@ginasanders/123rf.com

Non sfidare il tuo orologio biologico! Se vai a letto troppo tardi rischi questo effetto collaterale appena scoperto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alzarsi presto al mattino – e, conseguentemente, andare a letto più presto – rende più felici, allontana la depressione e migliora il nostro benessere generale. È quanto emerge da uno studio.

La pandemia, il lockdown e il cosiddetto ‘lavoro agile’ hanno reso più flessibili i nostri orari e, in molti casi, scombussolato completamente il nostro orologio biologico – portando a squilibri nel ritmo sonno-veglia che hanno amplificato condizioni di ansia e di insonnia. I ricercatori dell’Università di Exeter hanno condotto uno studio sui ritmi del sonno e hanno scoperto che essere geneticamente predisposti ad alzarsi presto al mattino migliora il proprio benessere e protegge dall’insorgenza della depressione.

Il team ha lavorato sulla base di uno studio precedente che ha mappato 351 geni connessi alla predisposizione di ognuno di noi ad essere un ‘mattiniero’ o una ‘civetta’ (ovvero una persona più produttiva nelle ore notturne, ma che preferisce dormire la mattina). Per questo studio è stato utilizzato un processo statistico chiamato Randomizzazione Mendeliana per esaminare se la presenza o assenza di questi geni ha un’influenza sulla salute mentale e sull’insorgenza di malattie come la depressione. Tuttavia, oltre alle informazioni genetiche, i partecipanti all’indagine hanno anche fornito informazioni sul loro orologio biologico e su se si considerassero più mattinieri o più nottambuli.

(Leggi: Una dieta sana, ricca di frutta e verdura contro la depressione delle donne)

Abbiamo notato che le persone che vivono disallineate rispetto al loro orologio biologico sono più inclini a soffrire di depressione e ad avere problemi di salute – spiega Jessica O’Loughlin, autrice dello studio. – Abbiamo anche avuto prova del fatto che essere una persona mattiniera protegge dal rischio di depressione e migliora lo stato di salute generale. Riteniamo che questo sia dovuto al fatto che la società in cui viviamo impone dei ritmi lavorativi che si svolgono a partire dalla mattina presto, e questo vuol dire che le ‘persone-civetta’ sono costrette a sconvolgere i propri ritmi biologici, essendo costrette ad alzarsi presto per andare al lavoro. Invece, le persone mattutine sono più propense ad essere allineate con il proprio orologio biologico.

L’epidemia da Covid-19 ha introdotto una nuova flessibilità negli schemi di lavoro per molte persone in tutto il mondo – spiega ancora la dottoressa Jessica Tyrrell. – Questo studio dimostra che allineare il programma lavorativo al proprio orologio biologico può migliorare la salute mentale anche nelle ‘persone-civetta’.

Fonte: Molecular Psichiatry

Ti consigliamo anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook