Tamponi con oppio e belladonna: così si curavano i dolori mestruali fino al 19° secolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra gli scaffali ci sono cose che oggi non troverete mai. Tra stranezze farmaceutiche come sanguisughe e tinture, al Museo della Farmacia di New Orleans, c’è anche la prima scatola di tamponi imbevuti di oppio e Belladonna.

Tamponi prodotti nel 19esimo secolo che avevano un compito specifico: l’oppio di alleviare i dolori mestruali, la Belladonna di dilatare e rilassare la vagina.

In realtà però l’utilizzo di oppiacei in ambito farmaceutico è una tradizione antica, perché come testimoniano alcuni volumi, perfino gli antichi romani usavano tamponi di lana imbevuti di una varietà di sostanze, tra cui: oppio, papaveri, olio di mandorla amara, miele bollite, cipolla mare e midollo di bue.

Naturalmente, a fianco del tampone, per alleviare il dolore del suo paziente, il medico dell’epoca Geddings somministrava una dose di oppio anche per lo stomaco e l’intestino. C’erano un sacco di preparazioni per i disturbi delle donne e la maggior parte, erano composte il 25 per cento o più da alcol e il resto da oppiacei.

Insomma, tamponi differenti da quelli che troviamo attualmente in commercio e che assolvono una funzione diversa. Ma nel museo, inaugurato nel 1950, l’oppio compare anche in clisteri e altre preparazioni galeniche per alleviare i dolori. Veniva, quindi, considerato come la panacea per tanti disturbi perché aveva effetto sedativo e antidolorifico.

oppio

Osservando vasetti e boccette di vetro si fa un tuffo nel passato mescolato a un tocco di macabro. Ci sono, infatti, oggetti che rievocano corpi malati, in trattamento o morti. Ci sono poi pozioni voodoo come “la polvere dell’amore”, che chissà cosa prometteva a chi la ingeriva, c’è la gommalacca e una serie di intrugli che combinano erbe, vegetali e tanto altro sulla base di ricette smerciate dalle sacerdotesse e poi vendute sottobanco.

Una soluzione per tutto: per chi cercava l’amore, la fortuna, il denaro o la cura per ogni male. E dietro ogni preparazione c’era l’immancabile oppio.

Dominella Trunfio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook