Hai gli occhi azzurri? Ecco l’affascinante teoria sulle tue origini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Siamo soliti pensare che il colore dei nostri occhi sia semplicemente una caratteristica fisica che ci distingue o accomuna ad altre persone. In realtà, secondo una ricerca, avere gli occhi azzurri significa qualcosa di molto particolare.

L’affascinante studio, condotto dall’Università di Copenaghen, sostiene che le persone con gli occhi blu condividono un antenato con tutti coloro che hanno la stessa caratteristica, anche se sono distanti migliaia di chilometri.

Il team, che ha lavorato alla ricerca per oltre 10 anni, ha esaminato e confrontato il colore degli occhi delle persone in alcuni paesi, tra cui la Danimarca e la Turchia.

In pratica lo studio ha scoperto che gli occhi azzurri sono causati da una mutazione genetica avvenuta tra i 6 mila e 10mila anni fa. Nel momento in cui questa si è verificata ha portato con sé un grande cambiamento: dall’avere sempre e solo occhi marroni (o limite verdi, colore che sembra sia comparso precedentemente al blu) si è passati alla variante azzurra che riguarda solo l’8% delle persone.

Così ha spiegato il fenomeno il professor Hans Eiberg del Dipartimento di medicina cellulare e molecolare.

“All’inizio avevamo tutti gli occhi marroni ma una mutazione genetica che influenzava il gene OCA2 nei nostri cromosomi ha portato alla creazione di un ‘interruttore’ che letteralmente ‘disattivava’ la capacità di produrre occhi marroni. Tutti gli individui con gli occhi azzurri sono legati allo stesso antenato e hanno tutti ereditato lo stesso interruttore nello stesso punto del loro DNA”.

occhi azzurri

Gli scienziati si sono soffermati in particolare sul fatto che le variazioni del colore degli occhi, dal marrone al verde, sono dovute al grado di melanina presente nell’iride.

Il gene OCA2 codifica per la cosiddetta proteina P, che è coinvolta nella produzione di melanina, il pigmento che dà colore ad occhi, pelle e capelli. In questo caso, però, non spegne completamente il gene, piuttosto limita la sua azione per ridurre la produzione di melanina nell’iride “diluendo” il marrone e trasformandolo in blu.

Se questo gene fosse completamente disattivato o distrutto, infatti, non avremmo alcuna melanina nei nostri capelli, negli occhi o nella pelle e ci troveremmo di fronte ad un caso di albinismo.

Gli scienziati ci tengono a precisare che si tratta di una variazione che non ha un’accezione positiva o negativa e che non aumenta né riduce la possibilità di sopravvivenza di un essere umano.

Si sa però che le persone con gli occhi azzurri hanno delle caratteristiche particolari: ci vedono meglio al buio, hanno maggiore sensibilità alla luce e spesso nelle foto vengono con gli occhi rossi.

La conclusione dello studio è stata dunque che tutti gli individui con gli occhi azzurri sono collegati allo stesso antenato e hanno tutti ereditato lo stesso interruttore esattamente nello stesso punto del loro DNA.

Affascinante come teoria non trovate?

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook