Dpcm, nuove misure: cosa cambia per scuole, sport, ristoranti e bar

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ in corso in questi minuti la conferenza stampa di Giuseppe Conte in diretta da Palazzo Chigi. Conte sta illustrando le novità del nuovo DPCM firmato poche ore fa, che prevede nuove misure per contenere la nuova ondata di contagi da coronavirus che sta interessando l’Italia e l’Europa e soprattutto per evitare un nuovo lockdown. Ecco cosa prevede.

Per quanto riguarda le scuole superiori, queste avranno via libera per la didattica a distanza e poranno prevedere anche ingressi scaglionati e turni pomeridiani. Le lezioni nelle scuole di grado inferiore si terranno in presenza.

Le Università potranno prevedere lezioni in presenza o a distanza in base alle esigenze formative e all’evoluzione dei contagi.

Bar e ristoranti potranno rimanere aperti dalle 5 alle 24 se prevedono servizio al tavolo, fermo restando il limite di 6 persone per tavolo. Ogni locale dovrà indicare il massimo di persone consentite all’interno. Se il servizio al tavolo non è previsto, dovranno invece chiudere alle 18,00. È consentito sempre l’asporto. Sale bingo e sale gioco dovranno invece chiudere alle ore 21,00.
Palestre, centri estetici e parrucchieri per il momento non chiuderanno.

Per gli eventi e le competizioni sportive restano i limiti già fissati – massimo 1000 spettatori all’aperto e 200 al chiuso, con una percentuale massima pari al 15% della capienza totale – e saranno permessi solo sport individuali; se di squadra, saranno consentiti solo quelli riconosciuti a livello nazionale o regionale e non quelli amatoriali di contatto.

Sono vietate manifestazioni, sagre e convegni e le riunioni della pubblica amministrazione dovranno essere effettuate a distanza, salvo eccezioni.

Il nuovo DPCM sarà in vigore da domani, lunedì 19 ottobre.

Il Governo prevede di introdurre misure a sostegno delle attività maggiormente colpite da queste nuove restrizioni, ma non saranno più possibili aiuti “a pioggia”, poiché occorre coniugare salute ed economia.

Il nuovo DPCM non prevede un vero e proprio coprifuoco, ma i sindaci potranno decidere di chiudere alla cittadinanza piazze e vie dopo le ore 21,00. Sarà consentito l’accesso a chi deve raggiungere la propria abitazione o la propria attività commerciali.

Il Presidente del Consiglio ha poi illustrato tutte le misure prese in questi mesi per intensificare le terapie intensive, i dispositivi di sicurezza, i trasporti, i tamponi effettuati.

Conte ha sottolineato la necessità di fare la propria parte per affrontare la situazione critica raccomandato di: dovremo continuare a indossare le mascherine, mantenere la distanza interpersonale, lavare le mani con cura e prestare attenzione quando si incontrano parenti e amici.

Fonte di riferimento: Presidenza del Consiglio dei Ministri

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook