Nuovo divieto di utilizzo per il disinfettante Neoxinal da parte dell’Aifa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ stato ritirato dal mercato a scopo cautelativo. L’Agenzia italiana del farmaco ha disposto il divieto di utilizzo di alcuni lotti del Neoxinal, un farmaco antisettico e disinfettante.

Secondo quanto riportato da Sportello dei diritti, il medicinale è stato ritirato dal mercato a seguito del divieto di utilizzo considerato il parere dell’Istituto Superiore di Sanità, vista la comunicazione della medesima ditta, ai sensi dell’art. 70 D. L.vo 219/2006.

In particolare, il richiamo riguarda il NEOXINAL 0,005 400 buste da 25 ml caratterizzate dai seguenti lotti:

  • n. L0598D con data di scadenza 03/2023,
  • n. L0599D con data di scadenza 03/2023
  • n. L0600D con data di scadenza 03/2023
  • n. L0602D con data di scadenza 03/2023.

Il Neoxinal è un farmaco a base del principio attivo Clorexidina Digluconato Soluzione e appartiene alla categoria degli Antisettici e nello specifico Biguanidi ed amidine. È commercializzato in Italia dall’azienda Nuova Farmec S.r.l.

Secondo quanto riportato da Sportello dei diritti, il 22 settembre l’Aifa ha

“emanato con una circolare raccomandazioni a tutte le strutture sanitarie e a tutti gli operatori sanitari operanti sul territorio Italiano di prontamente isolare, o comunque rendere indisponibili all’utilizzo tali lotti fino al richiamo”.

Non si tratta del primo richiamo di questo medicinale. A maggio infatti l’Aifa aveva disposto il divieto di utilizzo del Neoxinal ma in flaconi e in soluzione cutanea, caratterizzati dai seguenti lotti:

  • NEOXINAL*SOL CUT 400BUST 25ML – AIC 032812099;
  • NEOXINAL ALCOL*20FL500ML0,5+70 – AIC 037894033;
  • NEOXINAL ALCOL*24FL250ML0,5+70 – AIC 037894021;
  • NEOXINAL ALCOL*12FL 1L 0,5+70% – AIC 037894019.

Allora, il medicinale disinfettante era stato ritirato dall’Agencia Española de Medicamentos y Productos Sanitarios (AEMPS), che ha diramato l’allerta e successivamente dall’Aifa. All’origine del richiamo vi era una  possibile contaminazione microbica da parte del batterio Serratia Marcescens presente nei lotti con principio attivo Clorexidina Digluconato.

Questo batterio può causare congiuntiviti, cheratiti, infiammazioni dell’occhio e infezioni al dotto lacrimale.

Fonti di riferimento: Sportello dei diritti

LEGGI anche:

Spray disinfettante per ambienti ritirato per difetto alla valvola: i lotti richiamati

Monopattino Revoe ritirato da Decathlon per difetto allo sterzo. I lotti richiamati per rischio caduta

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook