Nuova Sars: sono i dromedari il veicolo di trasmissione della Mers?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I dromedari sono la fonte di contagio della Mers per l’uomo? Tra i dromedari sarebbe circolato il Coronavirus, responsabile dell’insorgere della malattia, secondo uno studio pubblicato dalla rivista The Lancet Infectious Diseases. La Mers è la nuova sindrome respiratoria Medio-Orientale, che può essere trasmessa sia dagli animali all’uomo che da un individuo all’altro.

La Mers è stata definita come la nuova Sars. Entrambe le malattie colpiscono le vie respiratorie e causano febbre alta, ma il contagio, per quanto riguarda la Sars, avverrebbe soltanto a partire dagli animali per quanto riguarda l’uomo. Il virus è stato rilevato per la prima volta in Medio Oriente lo scorso anno.

La nuova malattia fino a questo momento ha provocato 46 vittime su 96 persone contagiate. Il tasso di mortalità è dunque molto elevato e si avvicina al 50%. Secondo il nuovo studio condotto in proposito, la Mers si sarebbe diffusa a partire da cammelli e dromedari. Gli esperti hanno rilevato la presenza di anticorpi per contrastare la malattia proprio in questi animali.

La diffusione della nuova patologia, a parere dei ricercatori, potrebbe aver avuto inizio proprio a partire dagli allevamenti di cammelli e dromedari. Gli esperti si sono occupati di analizzare 349 campioni di sangue prelevati non soltanto da cammelli e dromedari, ma anche da pecore, capre e vacche provenienti da differenti località, tra cui il Cile, i Paesi Bassi, la Spagna e l’Oman.

Nessun anticorpo relativo alla Mers è stato rilevato in capre, pecore o bovini. La presenza degli anticorpi è stata invece riscontrata in tutti i campioni di sangue prelevati dai dromedari provenienti dall’Oman. Livelli più bassi di anticorpi sono stati riscontrati in dromedari e cammelli allevati sulle isole Canarie.

I livelli di anticorpi più alti sono in ogni caso stati riscontrati nei dromedari del Medio Oriente. Ciò ha permesso agli esperti di correlare la presenza di anticorpi negli animali alla diffusione della malattia. Si tratta infatti del segnale certo di una precedente infezione causata dal Coronavirus della Mers nei dromedari. I dromedari potrebbero dunque rappresentare un serbatoio del virus che provoca la malattia negli esseri umani. Secondo quanto riportato dalla BBC, la diffusione della malattia si trova soltanto ad uno stadio iniziale e potrebbe dunque essere arrestata.

Marta Albè

Leggi anche:

Sars e Mers: le differenze

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook