@Egiadone/123rf

Noci pecan alleate del cuore: appena scoperto nuovo effetto collaterale benefico sul nostro sistema cardiocircolatorio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le noci pecan, così come tutta la frutta secca, ha funzioni protettive sul sistema cardiocircolatorio, un nuovo studio lo dimostra

E’ stato scoperto da un gruppo di ricerca che una manciata di noci pecan al giorno può allontanare problemi cardiaci. I ricercatori dell’Università della Georgia (UGA) hanno condotto uno studio di otto settimane per determinare se queste noci croccanti svolgano o meno un ruolo benefico per la salute del cuore.

Lo studio

Lo studio ha raccolto 56 adulti di età compresa tra 30 e 75 anni, considerati ad alto rischio di malattie cardiovascolari, e li hanno inseriti in tre gruppi separati. Al gruppo uno è stato chiesto di mangiare 68 grammi (circa 470 calorie) di noci pecan al giorno. Al gruppo due è stato chiesto di sostituire le noci pecan con una quantità simile di calorie nella loro dieta, e il gruppo tre (il gruppo di controllo) non ha consumato noci pecan durante lo studio. (Leggi anche: Frutta secca, le magnifiche 7! Le varietà più nutrienti e preziose da inserire nella dieta)

Durante l’ottava settimana, tutti i volontari sono stati sottoposti a un esame del sangue prima e dopo aver mangiato un pasto ricco di grassi, in modo che gli autori potessero esaminare eventuali cambiamenti avvenuti nei loro livelli di lipidi (grassi) e glucosio (zuccheri) nel sangue. Così è stato scoperto che i lipidi nel sangue a digiuno, in entrambi i gruppi che hanno consumato noci pecan, erano migliori; anche la quantità di trigliceridi (lipidi) nel sangue dopo aver mangiato è diminuita per quelli del gruppo uno, mentre il gruppo due ha mostrato livelli di glucosio ridotti.

I risultati

Alla conclusione dello studio, i ricercatori hanno riferito che gli adulti che consumavano noci pecan mostravano, in media, una diminuzione del 5% del colesterolo totale e una diminuzione del 6%-9% delle lipoproteine ​​a bassa densità, LDL o colesterolo “cattivo”. I loro risultati sono stati pubblicati in uno degli ultimi numeri di The Journal of Nutrition.

Alcune ricerche mostrano che anche una riduzione dell’1% di LDL è associata a una piccola riduzione del rischio di malattia coronarica, quindi queste riduzioni sono decisamente significative dal punto di vista clinico.

Secondo gli ultimi dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), 93 milioni di adulti americani, di età pari o superiore a 20 anni, hanno livelli di colesterolo totale superiori a 200 mg/dL, che è al di sopra dell’intervallo considerato sano. L’agenzia riporta, inoltre, che circa 29 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno livelli di colesterolo totale superiori a 240 mg/dL.

Queste noci hanno grassi insaturi e fibre salutari per il cuore, acidi fenolici e antociani, che contengono antiossidanti in grado di aiutare a combattere le malattie. Inoltre, poiché le noci pecan sono sia saporite sia molto versatili, si possono consumare in svariati modi, in un’insalata, oppure tostate leggermente per assaporarle e gustarle come spuntino o semplicemente utilizzarle come condimento dei vostri piatti. 

Tuttavia, non è fondamentale consumare solo noci pecan, anche altre tipologie di frutta secca come le classiche noci o le mandorle, hanno proprietà simili.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: JN 

Ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook