New Delhi: il batterio resistente agli antibiotici colpisce la Toscana (64 i casi finora accertati)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Preoccupa in Toscana la diffusione negli ospedali del super batterio New Delhi, resistente agli antibiotici. Secondo quanto riportato dalla Regione in una conferenza stampa, sarebbero 64 i casi di infezione accertati da fine 2018 ad oggi, una situazione anomala e da tenere costantemente monitorata ma per cui non è stato lanciato ancora un vero e proprio allarme.

Il batterio in questione è il New Delhi metallo beta-lattamasi, isolato per la prima volta nel 2009 in un paziente svedese tornato da poco tempo dall’India (da qui il nome). A preoccupare è il fatto che questo batterio ha sviluppato una forte resistenza agli antibiotici.

A rischiare di più sono i pazienti ospedalieri particolarmente fragili: persone anziane, immunodepressi e chi soffre già di patologie pregresse. Gli altri, anche se vi entrano in contatto, possono convivere con il batterio che vive nella flora intestinale e che, nella maggioranza dei casi, non è pericoloso.

Ed essere colpita dal problema è soprattutto la Toscana Nord ovest quindi in particolare la provincia di Massa, Livorno e Pisa. Secondo i dati riportati in conferenza stampa dalla Regione, i casi di infezione dalla fine dello scorso anno ad oggi sarebbero 64. Alcuni pazienti sarebbero morti a causa dell’infezione ma la Regione ci tiene a sottolineare che il collegamento tra presenza del batterio e decessi deve essere ancora confermata.

Non si vogliono generare allarmismi, dunque, anche se siamo in presenza di un problema con cui, purtroppo, sembra che dovremo iniziare a familiarizzare. I batteri resistenti agli antibiotici, infatti, secondo le stime, mieteranno  moltissime vittime nei prossimi anni a livello mondiale .

L’assessore regionale alla Salute Stefania Saccardi ha dichiarato che vi è la massima attenzione del personale medico e che:

“Dobbiamo evitare allarmismi. I numeri, sia pur più alti di quelli attesi, non sono tali, e già da mesi sono state messe in atto le misure necessarie per conoscere meglio il fenomeno ma soprattutto ridurne l’estensione”.

Leggi anche:

 

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook