Morta a due settimane per un herpes, ecco perché non bisogna mai far baciare i neonati 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È accaduto in Gran Bretagna, dove la piccola Kiara ha probabilmente contratto il virus attraverso il bacio di qualcuno

A sole due settimane di vita è morta dopo aver contratto il virus dell’herpes simplex a causa di un bacio. La piccola Kiara si è ammalata in pochissimo tempo e per lei non c’è stato nulla da fare: dopo quattro giorni in ospedale, l’herpes neonatale ha avuto la meglio.

Lo annunciano i genitori, Kelly Ineson, 30 anni, e Thomas Cummins, 26 anni, di Dewsbury, nel West Yorkshire, che ricordano quanto possano essere pericolosi i baci soprattutto di persone estranee su neonati il cui sistema immunitario è praticamente nullo.

Nemmeno nei miei incubi peggiori avevo pensato che un bacio potesse uccidere mia figliaha raccontato la madre Kelly. I medici ci hanno detto che Kiara probabilmente ha contratto il virus attraverso il bacio di qualcuno. Siamo sempre stati attenti e non abbiamo permesso a nessuno che sembrava malato o che non avesse lavato le mani di avvicinarsi a lei”.

La bimba è stata ricoverata dopo 10 giorni dalla nascita a causa di una anomala perdita di peso. Dopo quattro giorni in cui lo staff medico non è riuscito a diagnosticare il virus, la neonata è andata in blocco renale e in sepsi, al punto che i dottori hanno optato per il coma indotto.

Diagnosticato l’herpes neonatale, non c’era più nulla da fare e tenerla in vita avrebbe provocato danni al cervello irreversibili. Così, si è deciso di spegnere le macchine.

kiara

Purtroppo quello di Kiara non è il primo caso: l’infezione neonatale da HSV (herpes simplex virus) ha un’alta mortalità e una significativa morbilità (si stima da 1/3mila a 1/20mila nascite). Di solito è trasmesso durante il parto attraverso il tratto genitale materno infetto, ma può capitare anche portatori del virus non sanno di essere contagiosi e di essere in stretto contatto con un neonato.

È per questo i pediatri raccomandano di non baciare i bimbi così piccoli e non solo: un neonato non ha ancora sviluppato un profilo immunologico ed è così più esposto a tutte le forme di infezioni e batteri.

Leggi anche

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook