©Saowanee K/Shutterstock

“Non ha alcun effetto terapeutico contro il coronavirus”: l’Antitrust multa il produttore di integratori di vitamina C

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una “arma incredibile nella lotta ai virus” e così si sottolineava ripetutamente la stretta associazione tra la vitamina C contenuta nell’integratore e la lotta al coronavirus: per questo l’Antitrust ha multato per 5mila euro Ketozona per pratiche commerciali scorrette.

Il procedimento riguarda nello specifico le modalità di presentazione dell’integratore “Ultra Vitamina C” sia sul sito web, che attraverso un dépliant promozionale inviato come newsletter.

Leggi anche: La vitamina D protegge dal coronavirus. La conferma in uno studio americano

In particolare, il messaggio pubblicitario attribuiva alla vitamina C contenuta nell’integratore “Ultra Vitamina C” effetti preventivi in relazione al coronavirus. L’integratore “Ultra Vitamina C” è promosso e offerto in vendita, al prezzo di 13,71 euro, sul sito del professionista www.ketozona.com.

La formulazione della comunicazione commerciale del professionista – scrive l’Antitrust (che fa riferimento alla lotta al coronavirus e ai mezzi cui attribuire un ‘vero effetto terapeutico’) – è tale da suggerire una stretta associazione tra l’assunzione del prodotto e il conseguimento di effetti benefici nella prevenzione contro il coronavirus, correlazione che appare sufficiente ad alterare le decisioni dei consumatori durante la pandemia. Essi, pertanto, possono essere stati indotti ad acquistare il prodotto nella convinzione di disporre così di un mezzo per prevenire efficacemente l’infezione”.

Ma della correlazione tra regolare consumo di vitamina C e prevenzione del coronavirus non c’è alcuna dimostrazione scientifica. Per questo l’AGCM ha deciso di comminare una pena amministrativa pecunaria di 5mila euro a Ketozona International S.r.l., n, imponendo anche il divieto di continuare a usare quel tipo di pratica commerciale scorretta.

QUI trovate il bollettino completo.

Fonte: AGCM

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Deceuninck

Mare, montagna o città? Come scegliere le finestre più adatte al luogo in cui vivi

eBay

Come trasformare il tuo terrazzo o balcone in una piccola oasi con le fioriere giuste

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook