Nelle scuole inglesi la meditazione mindfulness diventa materia ufficiale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il governo inglese ha deciso di introdurre la meditazione mindfulness come materia in 370 scuole inglesi con l’obiettivo di migliorare la salute mentale dei ragazzi. La sperimentazione andrà avanti fino al 2021

Le scuole in Inghilterra si stanno aggiornando e hanno deciso di aggiungere alle classiche materie anche la mindfulness, ovvero la pratica di meditazione e consapevolezza che si basa sul respiro e sull’attenzione al momento presente.

Come in tutte le scuole del mondo, anche nel Regno Unito si studia generalmente matematica, scienze, storia, ecc. ci sono però diversi istituti scolastici che in questo periodo si stanno preparando ad ampliare il loro curriculum tradizionale aggiungendo una materia molto particolare: la mindfulness.

Saranno circa 370 le scuole in cui gli studenti inizieranno a praticare mindfulness come parte di un progetto di studio volto a migliorare la salute mentale dei giovani. Lo ha annunciato il governo britannico in un comunicato stampa dove si legge anche che l’esperimento, che durerà fino al 2021, sarà uno dei più grandi nel suo genere al mondo.

Gli studenti lavoreranno con esperti di salute mentale in modo da apprendere esercizi di rilassamento e respirazione e altre tecniche innovative, utili a imparare a gestire le proprie emozioni.

L’obiettivo del programma, realizzato grazie alla collaborazione con l’Anna Freud Centre, è studiare quali approcci funzionano meglio per sostenere la salute mentale e il benessere dei giovani in un mondo che sta rapidamente cambiando, che li espone particolarmente e li fa vivere sotto pressione.

Non è un caso che negli ultimi anni i ragazzi siano alle prese sempre più spesso con situazioni difficili come bullismo e cyberbullismo, stress e altre difficoltà di vario genere a scuola. Gli insegnanti, supportati da esperti, hanno in mano la chiave non solo per favorire l’apprendimento e l’arricchimento culturale dei ragazzi ma anche per prevenire eventuali problemi di salute mentale.

Come ha dichiarato Damian Hinds, segretario britannico dell’istruzione:

“I bambini inizieranno ad essere introdotti gradualmente ai problemi relativi alla salute mentale, al benessere e alla felicità fin dall’inizio della scuola primaria”.

L’iniziativa arriva in seguito ai risultati di un sondaggio commissionato dal Servizio Sanitario Nazionale che ha rilevato come un bambino o ragazzo su otto in Inghilterra (di età compresa tra 5 e 19 anni) soffriva di almeno un disturbo mentale al momento della valutazione nel 2017.

Il sondaggio ha indicato, tra l’altro, un lieve aumento dei disturbi mentali nei bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni, salito all’11,2% nel 2017 dal 9,7% del 1999. Disturbi come l’ansia e la depressione sono stati i più comuni, soprattutto nelle ragazze.

La mindulness sarà la strategia migliore per far godere di piena salute i giovani inglesi? I presupposti ci sono tutti…

Se vi interessa conoscere meglio la mindfulness potete seguire il nostro corso: Mindfulness: cos’è, i benefici e gli esercizi per iniziare tenuto dalla psicologa Nashira Laura Andreon.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook