Melanoma: scoperta a Napoli la molecola che blocca la crescita tumorale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una molecola sconfiggerà il melanoma maligno. Sembra essere molto vicina la soluzione a un cancro davvero devastante e il merito sarebbe di una particella che sarebbe in grado di bloccare la crescita tumorale della pelle.

Un gruppo di ricerca dell’Istituto Pascale di Napoli ha infatti scoperto il ruolo di una molecola comune nei nevi che diminuisce alla presenza di cellule malate, ma che, se somministrata dall’esterno, blocca il cancro e non gli fa sviluppare resistenze ai farmaci.

LEGGI anche: QUANTI NEI HAI SUL BRACCIO? ECCO PERCHÉ CONTARLI È IMPORTANTE

Lei è la miR-579-3p, fa parte della classe dei microRNA e funziona, appunto, come soppressore della crescita tumorale. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica PNAS ed è stato guidato dal direttore scientifico del Pascale, Gennaro Ciliberto, e dal direttore della struttura complessa di Oncologia medica Melanoma, Paolo Ascierto. La ricerca è stata finanziata da Airc in collaborazione con il laboratorio di Carlo Croce all’Università di Columbus negli Stati Uniti.

LEGGI anche: CIOCCOLATO FONDENTE E MAGNESIO: IN AIUTO CONTRO IL TUMORE AL PANCREAS

LO STUDIO

I ricercatori hanno scoperto che la miR-579-3p è la responsabile della produzione di due proteine chiamate oncogeni che promuovono la crescita tumorale. Si tratta di una molecola presente in abbondanza nei normali nei, ma la cui quantità si riduce man mano che un melanoma diventa più aggressivo. In più, diminuisce maggiormente proprio nei melanomi che nel tempo diventano resistenti ai farmaci inibitori di Braf e Mek. Quando i suoi livelli si abbassano, quindi, quelli dei due oncogeni salgono.

Ma con questa nuova indagine, gli scienziati hanno rilevato che, per un principio inverso, se la molecola viene “somministrata” alle cellule tumorali dall’esterno, i livelli degli oncogeni scendono e le cellule maligne iniziano a distruggersi. Inoltre, la “somministrazione” esterna della particella insieme agli inibitori di Braf e Mek impedisce in seguito la formazione di cellule resistenti ai due farmaci.

LEGGI anche: TUMORI: 27 ALIMENTI PER LA PREVENZIONE DEL CANCRO

Alla luce di questi risultati si può aprire la possibilitàspiega Gennaro Ciliberto – di utilizzare attraverso approcci nanotecnologici il miR-579-3p come farmaco per migliorare le attuali terapie. Inoltre si potranno misurare i livelli del miR nel sangue come nuovo biomarcatore per predire in maniera precoce l’evoluzione dalla malattia e lo sviluppo di resistenza alle terapie”.

Il futuro sarà allora ancora una volta nelle mani della nanotecnologia che, si spera, darà vita a terapie specifiche nella lotta (anche) contro il melanoma maligno. La sperimentazione, dicono i ricercatori, dovrebbe essere avviata tra poco e, se i risultati saranno quelli previsti, riaccenderà le speranze di tanti malati.

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook