Matrimonio felice? È scritto nei geni (e nell’ossitocina)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il vostro è un matrimonio felice? È anche merito dei geni. Se la vita di coppia può essere appagante sia a breve che a lungo termine l’origine va ricercata anche nel nostro DNA.

Non siamo noi a dirlo ma uno studio condotto negli Usa di ricercatori della Yale School of Public Health. Secondo gli scienziati, le persone si innamorano per varie ragioni: interessi simili, attrazione fisica e valori condivisi ma se si sposano e rimangono insieme, la loro felicità a lungo termine può dipendere dai geni di uno o di entrambi i coniugi.

Lo studio ha preso in esame il ruolo di una mutazione genetica che colpisce l’ossitocina, l’ormone che svolge un ruolo fondamentale nei legami tra le persone.

L’autrice principale, Joan Monin, professore associato presso la Yale School of Public Health, e il suo team hanno studiato 178 coppie sposate tra i 37 e i 90 anni. Essi hanno partecipato a un sondaggio sui propri sentimenti, sulla sicurezza e sulla soddisfazione coniugale, fornendo anche un campione di saliva per la genotipizzazione.

Il gruppo di ricerca ha scoperto che quando almeno un partner presentava una variante genetica nota come genotipo GG all’interno del recettore del gene dell’ossitocina, la coppia riferiva una soddisfazione coniugale significativamente maggiore e sentimenti di sicurezza all’interno del matrimonio. Queste coppie si rivelavano anche più soddisfatte rispetto a quelle che avevano genotipi diversi.

Anche se la variante del recettore dell’ossitocina, nota come OXTR rs53576, era stata precedentemente studiata e legata a tratti di personalità come stabilità emotiva, empatia e socievolezza, il nuovo studio ha il merito di essere il primo a esaminarla in relazione alla soddisfazione coniugale.

Secondo gli scienziati, inoltre, le persone con il genotipo GG avevano un attaccamento meno ansioso nei confronti del loro matrimonio, a tutto vantaggio della relazione. .

“Questo studio dimostra che il modo in cui ci sentiamo nelle nostre relazioni più strette è influenzato dalle nostre esperienze condivise con i nostri partner nel tempo”, ha detto Monin. “Ma nel matrimonio, le persone sono influenzate anche dalle loro predisposizioni genetiche proprie e dei loro partner”.

I ricercatori hanno stimato che circa il 4% della della soddisfazione coniugale sia in qualche modo legata alla presenza di questa mutazione. Una percentuale piccola ma significativa.

In futuro gli scienziati sperano di condurre altri studi per esaminare come la variante OXTR rs53576 interagisca con specifiche esperienze di relazioni negative e positive al fine di influenzarne la qualità nel tempo in un ampio campione rappresentativo di coppie sposate.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista PLOS One.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook