I materassi possono emettere livelli elevati di sostanze chimiche mentre dormiamo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Diversi oggetti che abbiamo in casa emettono composti organici volatili, (COV o VOC, dall’inglese Volatile Organic Compounds). Tra questi, alcuni tipi di materassi, il cui rilascio di queste sostanze potrebbe mettere a rischio la salute dei più piccoli.

Mobili, vernici e dispositivi elettronici sono solo alcuni tra i centinaia di oggetti che abbiamo in casa e che emettono COV. Ora però alcuni ricercatori si sono soffermati a misurare i tassi di emissione di tali composti gassosi rilasciati da diversi tipi di materassi in poliuretano in condizioni di sonno simulato.

Yael Dubowski e i suoi colleghi si sono proposti di misurare i livelli di diversi VOC rilasciati da otto differenti materassi in poliuretano per neonati, bambini e ragazzi per poi confrontarli con i livelli di rischio per i diversi composti. I ricercatori hanno inoltre indagato su come la temperatura, l’umidità e la concentrazione di anidride carbonica (tutte aumentate quando le persone si trovano sul materasso rispetto a quando il materasso risulta inutilizzato) potrebbero influenzare le emissioni.

Il team ha sistemato alcuni pezzi dei materassi in poliuretano in camere a flusso continuo, ha raccolto l’aria in uscita e ha analizzato i livelli di 18 diversi COV mediante gascromatografia-spettrometria di massa.

Si è scoperto così che gli otto materassi rilasciavano quantità simili di COV, ad eccezione di un composto ritardante di fiamma emesso solo da uno dei campioni. I materassi rilasciavano più COV quando la temperatura era elevata per simulare il calore corporeo.

Il team ha stimato poi le dosi di COV inalate da adulti, neonati e bambini, riscontrando che la maggior parte erano ben al di sotto dei livelli di riferimento di rischio per questi composti. Tuttavia, per i neonati e i bambini piccoli, l’inalazione di alcuni composti (ad esempio acetaldeide, formaldeide e benzene) potrebbe raggiungere livelli preoccupanti.

I risultati, pubblicati sulla rivista Environmental Science & Technology, hanno dunque mostrato che la presenza di alcuni COV preoccupa soprattutto se ad essere esposti sono bambini e neonati. Tuttavia, al momento non ci sono prove di effetti avversi sulla salute.

L’esposizione ad alti livelli di queste sostanze può causare irritazioni agli occhi, al naso e alla gola, mal di testa e, per alcuni composti, persino un aumentato rischio cancro. Durante il sonno, le persone probabilmente inalano più COV a causa della scarsa ventilazione della camera da letto e della stretta vicinanza del naso e della bocca ai materassi che emettono i composti.

I ricercatori sottolineano la necessità di ulteriori studi che vadano ad indagare i possibili effetti sulla salute dell’esposizione cronica a bassi livelli di COV.

Nel frattempo, per garantirci sonni tranquilli, possiamo scegliere un materasso il più possibile naturale e che abbia determinate caratteristiche. Qui 10 consigli per scegliere al meglio il vostro materasso. 

Leggi anche:

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook