I materassi possono emettere livelli elevati di sostanze chimiche mentre dormiamo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Diversi oggetti che abbiamo in casa emettono composti organici volatili, (COV o VOC, dall’inglese Volatile Organic Compounds). Tra questi, alcuni tipi di materassi, il cui rilascio di queste sostanze potrebbe mettere a rischio la salute dei più piccoli.

Mobili, vernici e dispositivi elettronici sono solo alcuni tra i centinaia di oggetti che abbiamo in casa e che emettono COV. Ora però alcuni ricercatori si sono soffermati a misurare i tassi di emissione di tali composti gassosi rilasciati da diversi tipi di materassi in poliuretano in condizioni di sonno simulato.

Yael Dubowski e i suoi colleghi si sono proposti di misurare i livelli di diversi VOC rilasciati da otto differenti materassi in poliuretano per neonati, bambini e ragazzi per poi confrontarli con i livelli di rischio per i diversi composti. I ricercatori hanno inoltre indagato su come la temperatura, l’umidità e la concentrazione di anidride carbonica (tutte aumentate quando le persone si trovano sul materasso rispetto a quando il materasso risulta inutilizzato) potrebbero influenzare le emissioni.

Il team ha sistemato alcuni pezzi dei materassi in poliuretano in camere a flusso continuo, ha raccolto l’aria in uscita e ha analizzato i livelli di 18 diversi COV mediante gascromatografia-spettrometria di massa.

Si è scoperto così che gli otto materassi rilasciavano quantità simili di COV, ad eccezione di un composto ritardante di fiamma emesso solo da uno dei campioni. I materassi rilasciavano più COV quando la temperatura era elevata per simulare il calore corporeo.

Il team ha stimato poi le dosi di COV inalate da adulti, neonati e bambini, riscontrando che la maggior parte erano ben al di sotto dei livelli di riferimento di rischio per questi composti. Tuttavia, per i neonati e i bambini piccoli, l’inalazione di alcuni composti (ad esempio acetaldeide, formaldeide e benzene) potrebbe raggiungere livelli preoccupanti.

I risultati, pubblicati sulla rivista Environmental Science & Technology, hanno dunque mostrato che la presenza di alcuni COV preoccupa soprattutto se ad essere esposti sono bambini e neonati. Tuttavia, al momento non ci sono prove di effetti avversi sulla salute.

L’esposizione ad alti livelli di queste sostanze può causare irritazioni agli occhi, al naso e alla gola, mal di testa e, per alcuni composti, persino un aumentato rischio cancro. Durante il sonno, le persone probabilmente inalano più COV a causa della scarsa ventilazione della camera da letto e della stretta vicinanza del naso e della bocca ai materassi che emettono i composti.

I ricercatori sottolineano la necessità di ulteriori studi che vadano ad indagare i possibili effetti sulla salute dell’esposizione cronica a bassi livelli di COV.

Nel frattempo, per garantirci sonni tranquilli, possiamo scegliere un materasso il più possibile naturale e che abbia determinate caratteristiche. Qui 10 consigli per scegliere al meglio il vostro materasso. 

Leggi anche:

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook