Le cucine plastic free che durano una vita

Queste mascherine FFP2 potrebbero provocare danni da inalazione di grafene

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Attenzione a queste mascherine FFP2. Potrebbero contenere grafene che, se inalato, sarebbe dannoso per la salute e tossico. Un nuovo allarme arriva dalla Francia dove l’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, ambientale e della salute sul lavoro (ANSES) ha disposto il ritiro e il divieto di utilizzo di questi dispositivi, in attesa di esaminarli.

L’avviso di sicurezza non riguarda tutte le mascherine FFP2 ma quelle note come “Biomass Graphène”. Secondo le autorità francesi esse potrebbero contenere grafene la cui inalazione, sotto forma di microparticelle, potrebbe innescare processi infiammatori o conseguenze ancora peggiori.

Per questo, l’Anses ha diramato un’allerta invitando tutte le strutture ospedaliere a verificare la presenza di queste specifiche mascherine:

La tua struttura potrebbe aver ricevuto maschere etichettate “Biomass Graphène”. In attesa della valutazione del possibile rischio associato alla presenza di grafene in queste mascherine, e per precauzione, ti viene chiesto di smettere di usarle. 

Tali dispositivi di protezione individuale fanno parte dello stock statale e sono stati forniti dal produttore cinese Shandong Shengquan New Materials. La rivista francese Mediapart che si occupa di giornalismo investigativo ha scoperto che il richiamo è enorme visto che riguarda quasi 17 milioni di FFP2. L’avviso francese dell’Ansm infatti era rivolto principalmente agli ospedali. Ciò significa che potenzialmente 17 milioni di mascherine di questo tipo sono state distribuite, pari al 28% delle scorte ricevute dalla Francia.  

Tutte le informazioni sulla mascherina

Tipo di mascherina: FFP”
Nome : FFP2 Particle filtering half mask
Modelli : SNN200647, SNN70369B et SNN70370B
Lotti: tutti
Produttore: Shandong Shengquan New Materials

Non è la prima volta che accade

Non è la prima volta che queste mascherine fanno discutere. Ad Aprile esse sono state ritirate dal mercato dal Ministero della salute canadese, in attesa di una ricerca scientifica che potesse chiarire tutti i dubbi. Health Canada ha effettuato un’analisi preliminare degli studi disponibili scoprendo che

l’inalazione di particelle di grafene potrebbe causare tossicità polmonare precoce negli animali. Tuttavia, il potenziale di inalazione di queste particelle nell’uomo e i conseguenti rischi per la salute, che possono variare a seconda del design della maschera, non sono ancora noti. Il rischio per la salute umana per età non è noto. Variabili, come la quantità e la durata dell’esposizione, nonché il tipo e le caratteristiche del materiale di grafene utilizzato, influenzano tutte il potenziale di inalazione di particelle e i rischi per la salute che ne derivano. Health Canada ha richiesto informazioni ai produttori di mascherine per valutare i rischi per la salute associati a quelle contenenti grafene.

Eppure, più volte le mascherine in grafene sono state considerate tra le più sicure nei confronti del Covid. Un materiale senza dubbio versatile e utilissimo in molti campi ma ora nell’occhio del ciclone.

Qui la nota si sicurezza dell’ANSM

Fonti di riferimento: ANSM, Mediapart, Canadiensensante

LEGGI anche:

 

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook