©Aleksandar Malivuk/Shutterstock

Indossare la mascherina durante un esercizio fisico intenso non è pericoloso. Lo studio italiano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mantenere sul viso una mascherina durante l’esercizio fisico intenso non è pericoloso per le persone sane e potrebbe ridurre il rischio di diffusione del Covid-19 nelle palestre indoor. È quanto dicono alcuni studiosi che hanno testato una serie di parametri durante un’attività fisica con e senza mascherina.

Quella delle palestre chiuse è un’altra questione che tiriamo avanti da un anno a questa parte. La loro chiusura e la loro riapertura e poi ancora la loro serrata ha tenuto e tiene banco, insieme con il blocco di cinema e teatri, nel continuo tentativo di tenere a bada i contagi.

Leggi anche: Nuovo Dpcm: stop alle “visite” in zona rossa, vietati gli spostamenti verso abitazioni private

Ora, gli scienziati del Centro Cardiologico Monzino di Milano e dell’Università degli Studi di Milano hanno analizzato la frequenza respiratoria, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e i livelli di ossigeno di sei donne e uomini su cyclette, con e senza maschera.

Lo studio

Pubblicato sull’European Respiratory Journal, lo studio ha preso a campione 12 persone con un’età media di 40 anni, 6 uomini e 6 donne, tutti soggetti sani. Tutti sono stati sottoposti a tre prove da sforzo cardiopolmonare: senza maschera protettiva, con maschera chirurgica e con maschera FFP2. La dispnea è stata valutata dalla scala di Borg e sono stati eseguiti anche test di funzionalità polmonare standard.

Dai risultati è emerso che la maschera Ffp2 ha prodotto una riduzione del 10% del picco di assorbimento di ossigeno e la maschera chirurgica ha avuto un impatto leggermente inferiore (Leggi anche: Come capire se la nostra mascherina FFP2 è affidabile. Un tool per individuare la certificazione).

In pratica, indossare una mascherina avrebbe ridotto la capacità dei partecipanti di eseguire un esercizio vigoroso di circa il 10%, probabilmente perché hanno trovato leggermente più difficile respirare attraverso la maschera. Il  spiega la quotidiano inglese:

Questa riduzione è modesta e, soprattutto, non suggerisce un rischio per le persone sane che fanno esercizio con una maschera facciale, anche quando lavorano al massimo delle loro capacitàdice al The Guardian il cardiologo del Ccm, Massimo Mapelli. Mentre aspettiamo che più persone vengano vaccinate contro il Covid-19, questa scoperta potrebbe avere implicazioni pratiche nella vita quotidiana, ad esempio rendendo potenzialmente più sicuro aprire palestre al coperto”.

Se lo stesso valga per le persone con malattie cardiache o polmonari questo è ancora da verificare, per questo i ricercatori stanno studiando più nello specifico se indossare una maschera influisce sulla capacità delle persone di svolgere attività quotidiane come i lavori domestici o salire le scale, esaminando persone sane e persone con patologie.

Nel frattempo, l’unica raccomandazione è continuare a usare le mascherine sempre e comunque e, quanto all’attività fisica (da fare ora solo all’aperto), tener presente che molte sono oramai le mascherine specifiche per l’esercizio, lavabili e riutilizzabili, che rallentano la dispersione di goccioline di saliva e sono contemporaneamente anche in grado di agevolare la respirazione.

Fonti: European Respiratory Journal / The Guardian

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook