Mascherine contraffatte: sequestrati milioni di pezzi in tutta Italia. Attenzione: sono pericolose!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Più di 150mila mascherine, provenienti da un fornitore cinese, di tipo Ffp2, ma assolutamente prive dei requisiti di sicurezza.  Venivano distribuite sul territorio nazionale o senza il marchio CE o addirittura con etichetta falsa.

La Guardia di Finanza ha eseguito un maxi sequestro per un valore che ammonta a 800mila euro. Questo si somma a quello avvenuto pochi giorni fa a Modena, con 157mila pezzi non certificati e, quindi, pericolosi per la salute di chi le indossava.

Anche a Roma i controlli dei Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno portato a un maxi sequestro di oltre 420 mila confezioni di prodotti igienizzanti e più di 100 mila tra mascherine protettive e termometri ottici con rilevamento a distanza, non conformi alla normativa comunitaria e nazionale.

Come se non bastasse, la Guardia di Finanza di Teramo ha sequestrato a sua volta proprio in queste ore oltre 10 mila mascherine importate dalla cina sprovviste di marcatura CE  e autorizzazioni. Sequestri con quantità più piccole, ma non meno importanti, sono avvenuti anche a Eboli (1500), Napoli (24mila) ed Atri (10mila).

Sono, invece, ben oltre 330.000 mascherine con marchio CE falso e in assenza delle previste certificazioni quelle trovate e sequestrate dalla Guardia di Finanza di Busto Arsizio, presso tre società con sede nei comuni di Busto Arsizio, Samarate e Olgiate Olona.

Il totale delle mascherine (solo) di questi sequestri arriva alla impressionante cifra di circa 800 mila pezzi, e oltre.

Che si aggiungono al maxi sequestro della guardia di finanza a Firenze e Prato, nell’ambito di più operazioni eseguite nell’ultimo periodo, di 1,7 milioni di mascherine (tra 300mila con marchio ‘ffp2’ e ‘ffp3’) e 7.200 kit rapidi sierologici anti-Covid, privi di certificazione e di scheda tecnica sui requisiti di conformità.

“Non basta la situazione d’emergenza che attanaglia la nazione – afferma il Presidente del Codacons Marco Maria Donzelli – ci sono come sempre coloro che approfittano di questo periodo per trarne profitto in modo illecito”.

Per tali motivi il Codacons presenta esposto in Procura al fine di individuare gli autori di tali deprecabili truffe.

Leggi anche:

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook