Gli scienziati inventano una mascherina in grado di uccidere il coronavirus per oltre il 90%

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una mascherina in grado di eliminare il coronavirus oltre la soglia del 90%. È l’ultima novità in fatto di dispositivi utili a contrastare il Covid-19 e che arriva direttamente dall’Inghilterra, con l’invenzione del professor Gareth Cave, scienziato specializzato in nanotecnologie alla Nottingham Trent University. Le nuove mascherine saranno inizialmente disponibili in commercio da dicembre.

Cave ha messo a punto un nuovo dispositivo dotato di un rivestimento che comprende uno strato esterno idrorepellente capace di ostacolare l’inalazione delle goccioline che trasportano il virus. A differenza di quelle classiche chirurgiche a tre strati, questa mascherina ha cinque strati e un rivestimento in rame che rilascia ioni, in grado di “uccidere” il virus al contatto.

In pratica, il rame ha ioni che vengono emessi una volta a contatto con un virus: un meccanismo che crea quindi un’interazione con il materiale genetico del virus facendolo morire e impedendogli di riprodursi.

Poiché sono sferiche, le nanoparticelle hanno un’ampia superficie che rende l’approccio più efficace nell’uccidere il virus. Lo strato interno antivirale garantisce una protezione aggiuntiva sia per chi lo indossa che per chi si trova nelle vicinanze.

I test hanno dimostrato che le maschere, che sono di tipo IIR – il che significa che offrono il massimo livello di protezione e hanno un’efficienza di filtrazione del 99,98% – sono altamente efficaci nell’uccidere oltre il 90% il virus dell’influenza e il coronavirus in sette ore, e sono state certificato secondo gli standard ISO 18184.

mascherina uccide virus

©NTU

Commercializzate dalla società spin-out della NTU Pharm2Farm nella BioCity di Nottingham, le maschere dovrebbero entrare in produzione a Nottingham alla fine di questo mese e saranno inizialmente disponibili in commercio da dicembre per le strutture sanitarie, aziende di trasporto e di ristorazione.

Fonte: NTU

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook