Ingegnere trasforma le maschere da sub Decathlon in respiratori grazie alla stampa 3D

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono diventati famosi in tutto il mondo con le valvole respiratorie stampate in 3D, che hanno salvato la vita di moltissime persone, e ora Cristian Fracassi, ingegnere, e il suo team, creano maschere respiratorie convertendo maschere da sub. 

Le valvole stampate in 3D, indispensabili per i respiratori della terapia intensiva, sono nate per caso, o sarebbe meglio dire, per necessità. L’Ospedale di Chiari non ne aveva più e le persone stavano morendo, la via ordinaria dell’approvvigionamento di pezzi di serie non era praticabile per una ragione di tempo, e così Fracassi e il suo team, specificando su facebook che lui e i suoi colleghi non vogliono essere chiamati eroi né geni, hanno inventato le valvole 3D. Che si sono rivelate efficaci, finendo sulle pagine dei media internazionali.

La notizia è arrivata anche all’ex primario dell’Ospedale di Gardone Valtrompia, il Dott. Renato Favero, che ha proposto al team di convertire delle maschere da sub in maschere respiratorie, come specifica Fracassi sul suo profilo fb:

“Ed ecco che un primario d’ospedale in pensione, il dott. Renato Favero, ha suonato alla nostra porta, ci ha fatto una lezione di anatomia sul funzionamento di polmoni, alveoli, virus e polmonite, per poi chiederci di aiutarlo nell’impresa di trasformare maschere da sub in maschere per la respirazione da utilizzare in ospedale. Inutile dire la nostra risposta: ci abbiamo lavorato giorno e notte, Isinnova ha ingranato la sesta e in meno di 10 ore avevamo il prototipo che due ospedali bresciani stanno testando in questi giorni. Vorremmo aspettare l’esito di tutti i test (ad oggi positivi) ma pensiamo che ogni minuto sia cruciale. Medici, infermieri, ospedali, diffondetela, studiatela e aiutateci a migliorarla: noi stessi vi terremo aggiornati su come implementare questa nuova idea (sempre gratuitamente).”

In un primo momento l’azienda ha contattato Decathlon, “in quanto ideatore, produttore e distributore della maschera Easybreath da snorkeling“, che si è resa immediatamente disponibile per fornire il disegno CAD della maschera, il prodotto è stato quindi smontato, studiato e valutato. Si è poi passati al disegno del nuovo componente per il raccordo al respiratore, chiamato valvola Charlotte, stampato in 3d. Prototipo che si è rivelato funzionante dopo essere stato testato su un collega e su un paziente malato.

L’azienda ha deciso di brevettare la valvola di raccordo per impedire speculazioni sul prezzo del componente ma vuole che il brevetto rimanga ad uso libero in modo che tutti gli ospedali in stato di necessità possano usufruirne. Ha inoltre condiviso il file con le istruzioni per realizzare il raccordo in stampa 3D, che dicono sia di facile realizzazione. In questo modo le strutture sanitarie possono acquistare le maschere Decathlon e far realizzare il pezzo necessario per completarle agli stampatori 3D.

Un aiuto davvero prezioso che potrebbe salvare moltissime vite umane!

FONTI: Isinnova

Ti potrebbe interessare anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Deceuninck

Come scegliere gli infissi giusti per una casa ecosostenibile

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook