Marijuana: il THC previene i traumi al cervello. Ma dei topi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La marijuana fa male al cervello? Niente affatto: secondo uno studio della Tel Aviv University, pubblicato sulla rivista Behavioural Brain Research and Experimental Brain Research, dosi estremamente basse di questa sostanza potrebbero proteggere il cervello prima e dopo un infortunio.

Il merito, in particolare, sarebbe del principio attivo della marijuana, il Thc, che sarebbe in grado di prevenire il danno cognitivo a lungo termine a seguito di lesioni da ipossia, convulsioni o persino danni causati da farmaci tossici se somministrato a piccole dosi. Senza questa barriera di protezione, invece, i cervelli sono soggetti a difetti cognitivi e danni neurologici. Ma come lo avranno scoperto? Per testare la loro teoria, il professor Yosef Sarne della Tel Aviv University e il suo team hanno iniettato nei topi di laboratorio dosi molto basse di THC, sia prima che dopo averli sottoposti ad un trauma cerebrale.

È così che ha potuto stabilire che piccole dosi di THC possono essere somministrate fino a sette giorni prima di un infortunio o tre giorni dopo. Proprio tre giorni prima di causare un danno ai topi, e 7 giorni dopo, infatti, i ricercatori hanno eseguito test in cerca dei danni cerebrali. Quelli che avevano ricevuto una dose bassa stavano molto meglio rispetto al gruppo di controllo di topi che non aveva ricevuto alcun trattamento. E il gruppo di topi sottoposti a THC ha fatto registrare anche più sostanze chimiche neuroprotettive nel loro sistema, rivelando, dicono i ricercatori, che questo trattamento agisce quasi come un immunizzazione dei danni cerebrali.

Proprio nel bel mezzo del dibattito antivivisezionista, con i i ricercatori pronti a scendere in piazza per ribadire la validità dei loro metodi, questa ricerca è l’ennesima occasione da prendere al volo per ricordare come nessuna specie possa essere presa a modello di un’altra. “I test sugli animali sono un metodo inutile e dannoso. Il 90% dei medicinali testati sugli animali vengono rigettati prima degli esperimenti clinici sull’uomo, perché le prove sono ritenute inattendibili. Ma è ovvio: ogni specie animale ha un proprio genoma unico e irripetibile”, spiega in un’intervista Claude Reiss, per 35 anni direttore di ricerca in biologia molecolare al Cnrs, autore di centinaia di paper scientifici sul tema..

Questo comporta che un ratto, un topo, un cane o un uomo reagiscono in modo completamente diverso alla stessa prova. Sarebbe stato molto più utile e proficuo, insomma, effettuare questi esperimenti su modello umano. Ma provocare traumi al cervello di un uomo per studiare l’effetto della THC non sarebbe “etico”…

Roberta Ragni

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook