Mango, meglio del prozac contro la depressione? Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alcuni ricercatori nigeriani hanno scoperto che i manghi hanno effetti antidepressivi e anti-ansia

Combattere depressione e ansia con rimedi naturali grazie al mango. Abbondanti nei paesi tropicali e dai frutti dolci e succosi, le piante di mango avrebbero anche un’altra parte buona: la corteccia e proprio questa fornirebbe alla salute molti benefici.

Uno studio condotto all’Università di Lagos, in Nigeria, ha infatti dimostrato che gli estratti dalla corteccia di un albero di mango (Mangifera indica) migliorano significativamente la depressione.

Non solo, quindi, il mango aiuta a dimagrire e a combattere alcuni tipi di cancro, ma si mostra anche un valido aiuto contro gli stati depressivi.

La depressione è una condizione caratterizzata da persistenti sentimenti di tristezza o di dolore. È diventata sempre più diffusa nel corso degli anni e le persone che ne soffrono sperimentano poca energia, perdita di appetito e disinteresse per le cose quotidiane. La depressione aumenta il rischio di suicidio, abuso di alcol e droghe, obesità e dolore cronico. Per migliorare la qualità della vita dei pazienti depressi, spesso vengono somministrati antidepressivi, come gli inibitori selettivi dell’assunzione di riassorbimento di serotonina (SSRI), ai quali – ovvio – vanno associati molti effetti collaterali, tra cui problemi di sonno, mal di testa, aumento di peso e aumento del rischio di suicidio. Per questo motivo, i ricercatori continuano a cercare alternative naturali che siano sia efficaci che sicure.

La corteccia degli alberi di mango è già comunemente usata nella medicina tradizionale africana e ayurvedica per rimediare all’ipertensione, all’insonnia, alla crescita tumorale, ai reumatismi e proprio alla depressione. Ricerche precedenti avevano anche già dimostrato che la corteccia di mango è ricca di composti bioattivi come alcaloidi, flavonoidi, saponine, tannini, fenoli, acido ascorbico, riboflavina, niacina e tiamina

In queste nuove indagini, i ricercatori hanno raccolto estratti dalla corteccia di albero di mango e ne hanno analizzato i potenziali effetti antidepressivi e ansiolitici comparandoli a quelli di inibitori di diversi farmaci convenzionali usati per la depressione e per l’ansia (come la paraclorofenilalanina).

I risultati dello studio hanno dimostrato che il trattamento con estratti di corteccia di mango avrebbe migliorato significativamente comportamenti depressivi e ansiosi in laboratorio e nel complesso hanno dimostrato che i manghi hanno un potenziale utilizzo come rimedio naturale per la depressione soprattutto per ridurre la dipendenza da farmaci antidepressivi dannosi.

Leggi anche

Germana Carillo

I manghi sono potenti antidepressivi naturali, lo studio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook