Cos’è la Malattia X, la probabile epidemia che preoccupa l’OMS

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Malattia X come una delle possibili epidemie del futuro. Non è una beffa, ma un’attenta analisi condotta dall’Organizzazione mondiale della Sanità che ha identificato le malattie che rappresentano un rischio per la salute pubblica a causa del loro potenziale epidemico e per le quali non esistono ancora o non sono sufficienti reali contromisure. E la malattia X è una di quelle.

Insomma, nel forsennato tentativo di capire a quali malattie e a patogeni dare priorità nella ricerca in contesti di emergenza della sanità pubblica, ecco che compare tale “Malattia X”, a consapevolezza che una grave epidemia internazionale potrebbe essere causata da un agente patogeno attualmente sconosciuto e causare malattie umane.

Dopo un primo elenco di malattie prioritarie rilasciato a dicembre 2015, l’elenco fu esaminato per la prima volta a gennaio 2017 e ora, nel febbraio 2018, l’Oms ha proceduto a una seconda revisione.

Le malattie sono state identificate dagli esperti di R&D Blueprint, una strategia globale e un piano di allerta che consente di far leva sulle attività di Ricerca e Sviluppo (R&D, Research and Development) a epidemie in corso. Lo scopo è velocizzare la disponibilità di test diagnostici efficaci, vaccini e farmaci da utilizzare per salvare vite umane e arginare i contagi.

L’Oms è il coordinatore del gruppo di esperti di R&D Blueprint, un’iniziativa sorta dopo l’epidemia di Ebola in Africa Occidentale (2013-2016).

Gli esperti ritengono che, dato il loro potenziale di provocare un’emergenza sanitaria pubblica e l’assenza di farmaci e / o vaccini efficaci, vi sia un’urgente necessità di ricerca e sviluppo accelerati per:

  • Febbre emorragica Congo Crimea
  • Ebola e virus Marburg, causa di febbre emorragica
  • Febbre di Lassa, una febbre emorragica virale
  • Mers-Sindrome respiratoria mediorientale da Coronavirus e Sars-Sindrome respiratoria acuta grave
  • Infezione da Nipah virus (henipavirus), un’infezione trasmessa da animali a uomo, associata a encefalite e raramente a malattia respiratoria
  • Febbre di Rift Valley, una zoonosi virale trasmessa dalle zanzare agli animali ma anche all’uomo
  • Infezione da Zika virus
  • Malattia X

Queste malattie – tutte egualmente prioritarie – pongono importanti rischi per la salute pubblica e sono necessari ulteriori ricerche e sviluppi, tra cui la sorveglianza e la diagnostica.

Cos’è la Malattia X

Non è ancora dato saperlo. Quel che pare certo è che sarebbe un potenziale pericolo che non dovrà cogliere impreparati governi, organizzazioni internazionali e comunità. Secondo gli esperti, si tratterebbe di una patologia che potrebbe dare origine a una seria epidemia su larga scala causata da un agente patogeno che necessiterà di un piano di azione incentrato su diagnosi e trattamenti tempestivi.

Nell’elenco delle malattie, ce ne sono alcune come dengue, HIV/AIDS, tubercolosi, malaria, vaiolo, peste, colera e leishmaniosi, che non rappresentano una priorità ma continuano a porre problemi per la sanità internazionale e rendono necessari ulteriori investimenti rispetto agli strumenti che si stanno già utilizzando per contrastarle. Gli esperti hanno inoltre ribadito la necessità di occuparsi di resistenza anti-microbica attraverso specifiche iniziative internazionali.

Leggi anche:

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook