Le lobby farmaceutiche investono troppo in marketing a scapito delle nuove terapie

farmaci soldi

Le aziende farmaceutiche mettono il loro profitto davanti a tutto, utilizzando i finanziamenti solo a favore del marketing e non della ricerca di nuove molecole o terapie. È così che hanno scoraggiato l’innovazione negli ultimi cinque decenni. A dirlo sono i dottori Donald Luce, dell’University of Medicine of New Jersey, e Joel Lexchin, della York University di Toronto, che hanno denunciato la situazione di stallo dell’innovazione farmaceutica direttamente dalle pagine del British Medical Journal.

Secondo i ricercatori, la maggior parte dei fondi di ricerca non viene indirizzata verso la ricerca di farmaci innovativi, ma nella pesante e costante promozione dei farmaci già esistenti, fino ad arrivare a spendere ben l’80% della spesa farmaceutica di una nazione solo per questo. Luce e Lexchin spiegano: “la situazione dello sviluppo di nuove molecole è rimasta ferma a 50 anni fa. Gli incentivi per lo sviluppo di farmaci sono sbagliati e hanno distorto i comportamenti all’interno del settore“.

Le lobby faramaceutiche, infatti, spendono in marketing il 25% dei ricavi, rispetto all’ 1,3% investito nella scoperta di nuove molecole. “Se i costi dello sviluppo hanno avuto un sostanziale aumento tra il 1995 e il 2010, pari a 34.2 bilioni di dollari, i ricavi per le società sono aumentati di 6 volte più velocemente. E le aziende evitano di menzionare questo straordinario ritorno economico“, accusano i due esperti. Ecco perché la valutazione dei nuovi farmaci dovrebbe essere pubblica e indipendente dalle stesse industrie farmaceutiche e dovrebbe premiare l’innovazione.

Questo approccio permetterebbe di risparmiare miliardi di dollari in costi sanitari e produrrebbe vantaggi reali per la salute delle persone“, dicono i ricercatori, che chiedono alle autorità di controllo dei farmaci in tutto il mondo “di fermare l’approvazione di nuovi farmaci di scarso valore terapeutico“, dando, invece, “premi in denaro in sostituzione della copertura brevettuale solo per molecole veramente nuove“.

La vera crisi dell’innovazione, insomma, consiste nel fatto che la ricerca e lo sviluppo dei farmaci si sono ridotti ad essere, in realtà, solo piccole variazioni dei prodotti già esistenti, che non sono nememno superiori ai vecchi. “E io pago”.

Speriamo che in Italia qualcosa cambi dopo l’introduzione in questi giorni dell’indicazione del principio attivo nelle ricette e non più del farmaco, inverta la tendenza.

Roberta Ragni

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

corsi pagamento

seguici su facebook