Lo spazio sconfigge il cancro? L’assenza di gravità uccide le cellule tumorali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’assenza di gravità uccide i tumori. È la nuova frontiera nella cura contro il cancro, che potrà lavorare in parallelo con le terapie esistenti e migliorarne l’efficacia. Basterebbe soltanto un giorno di microgravità per far morire tra l’80 e il 90% di cellule tumorali. Ciò significa che possono essere radicalmente colpite da gravità zero.

Ad affermarlo è un gruppo di ricercatori di medicina spaziale che si sta preparando a lanciare nello spazio proprio delle cellule tumorali, dopo che studi sulla terra hanno dimostrato che possono essere radicalmente colpite in condizioni di gravità paro a zero.

Loro sono gli studiosi dell’Università della Tecnologia di Sydney (Uts), che hanno messo a punto un nuovo device in grado di replicare condizioni di gravità vicine allo zero simili a quelle presenti nella stazione spaziale internazionale (Iss). In seguito, le cellule saranno posizionate in un piccolo dispositivo e inviate in orbita sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Abbiamo condotto dei test su quattro differenti tipi di cancro, alle ovaie, al seno, al naso e ai polmoni, e abbiamo trovato che in 24 ore di microgravità, l’80-90% delle cellule moriva senza alcun trattamento farmaceutico”, ha spiegato Joshua Chou, uno degli autori della ricerca.

L’ipotesi è che la gravità ridotta uccida le cellule del tumore perché impedisce loro di comunicare.

Nello spazio le cellule del corpo cominciano a subire la condizione detta uploading meccanico – spiega lo studioso. L’assenza di gravità ha effetto su come le cellule si muovono e agiscono e compromette la loro capacità di sopravvivenza”.

Pare, insomma, che quando siamo nello spazio, ciò che accade al corpo è che le sue cellule iniziano a sentire questa condizione definita “scarico meccanico“, che influisce sul modo in cui le cellule si muovono, su come funzionano e determinano anche la loro sopravvivenza.

cellule tumorali spazio

La nostra ipotesi è che non possono più percepire ciò che li circonda e, quindi, le cellule entrano nello stato di apoptosi o morte cellulare”.

Non è ancora ben chiaro il motivo per cui le cellule tumorali si comportino in modo diverso quando si trovano nello spazio, ma si spera che l’esperimento porterà a una migliore comprensione della malattia e di come possa essere trattata.

Leggi anche:

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook