Creata la lente a contatto che permette di fare lo zoom strizzando gli occhi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una macchina fotografica digitale sull’occhio: ecco la rivoluzionaria lente a contatto robotica sviluppata da un gruppo di ricerca guidato dall’Università della California di San Diego: il dispositivo funziona proprio come un moderno strumento di acquisizione immagini ed è comandato dai nostri stessi occhi.

Vogliamo inquadrare qualcosa a destra? L’obiettivo va a destra. Vogliamo inquadrare qualcosa a sinistra? L’obiettivo va a sinistra. E se serve uno zoom? Basta strizzare gli occhi due volte. Questi producono infatti segnali elettrici chiamati elettrooculografici e il dispositivo li recepisce, tramutandoli in azione. Esattamente come fanno i pc, che rispondono ai nostri comandi quali click di mouse o pressioni di tasti.

Questo è il vero primo esempio di interfaccia tra uomo e macchine flessibili, che si adattano all’anatomia comportandosi come minicomputer e ponendosi come una linea di congiunzione tra il vivente e il freddo circuito.

“L’interfaccia uomo-macchina, come la conosciamo, ha le classiche caratteristiche di dispositivi come computer, sedie a rotelle e robotica rigida – spiega Shengqiang Cai, che ha guidato la ricerca. L’innovazione qui è l’interfaccia con la robotica flessibile. Questo può davvero aprire nuove opportunità nel campo”.

Enormi e potenzialmente rivoluzionarie le possibili applicazioni: protesi visive, occhiali regolabili, robot in grado di vedere. Il sistema infatti è progettato per imitare il funzionamento dell’occhio umano. Il dispositivo include infatti due pellicole di elastomero elettroattivo che agiscono come muscoli, espandendosi, contraendosi e in generale modificando la loro conformazione quando viene applicato un potenziale elettrico.

lente a contatto robotica

Foto: Cai lab/Advanced Functional Materials via UC San Diego

L’obiettivo invece, è proprio rivoluzionario, perché è stato realizzato come primo test di materiale attivo flessibile che può essere comandato a distanza da segnali del nostro corpo. Ed è stato perfezionato così bene da poter puntare in quattro direzioni, cambiare il proprio punto focale, nonché la sua lunghezza focale fino al 32%.

“L’idea alla base di questo progetto è molto generica – continua Cai – Con questo sistema utilizziamo i segnali generati dal movimento degli occhi per controllare una lente sintonizzabile morbida. Ma in linea di principio potremmo estendere questa idea e utilizzare altri segnali biologici (movimenti della mano, battiti cardiaci, ecc.) […]. Ed è quello che trovo davvero eccitante”.

Un capolavoro della bionica? Dovremo ancora attendere per capire se il test potrà diventare realtà per tutti, ma le premesse appaiono molto promettenti.

Il lavoro è stato pubblicato su Advanced functional materials.

Leggi anche:

Roberta De Carolis

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook