Le persone con gruppo sanguigno 0 sono meno a rischio coronavirus. Nuova conferma da uno studio europeo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli scienziati di tutto il mondo si stanno interrogando su una possibile connessione tra il gruppo sanguigno e il rischio di essere contagiati dal coronavirus e riportare sintomi più o meno gravi. Un nuovo studio europeo sembra fornire un’ulteriore conferma di questo legame.

Secondo la nuova ricerca condotta dagli scienziati del Centro medico universitario Schleswig-Holstein (UKSH) e dell’Università di Kiel, rispettivamente in Norvegia e in Germania, il gruppo sanguigno di una persona e altri fattori genetici potrebbero essere collegati sia alla possibilità di essere contagiati che alla gravità dell’infezione da coronavirus.

I ricercatori europei hanno condotto uno dei più grandi studi sui geni più a rischio, alla ricerca di nuovi indizi sul perché il Covid-19 colpisca alcune persone molto più duramente di altre. E i risultati sembrano confermare quanto ipotizzato da altre due ricerche condotte in Cina e negli Stati Uniti, due dei paesi più colpiti dalla pandemia.

Il nuovo studio europeo

I risultati, pubblicati su The New England Journal of Medicine, suggeriscono che le persone con gruppo sanguigno di tipo A hanno un rischio maggiore di essere infettate dal coronavirus e di sviluppare sintomi più gravi.

Al culmine dell’epidemia in Europa, i ricercatori hanno analizzato i geni di oltre 4.000 persone per cercare le variazioni comuni in coloro che sono stati colpite dal coronavirus e hanno sviluppato una grave forma di infezione. Si tratta del primo ampio studio su tutto il genoma a livello mondiale sui geni a rischio.

Secondo la ricerca, le persone con gruppo sanguigno A hanno un rischio di circa il 50% di contrarre una forma più grave rispetto a quelle con altri gruppi sanguigni. Al contrario, le persone con gruppi sanguigni di tipo 0 erano quasi il 50% più protette.

Per la ricerca guidata dal biologo molecolare Prof. Franke e dall’internista norvegese Prof. Dr. Tom Karlsen, i medici di diversi ospedali situati negli epicentri del coronavirus nel Nord Italia e in Spagna, hanno inviato campioni di sangue appartenenti a 1.980 pazienti in terapia intensiva che dovevano essere trattati con ossigeno o collegati a un ventilatore. Per il gruppo di controllo, sono stati esaminati i dati di 2.205 donne e uomini selezionati casualmente dalla popolazione di questi paesi.

Oltre alla significativa anomalia nel locus del gruppo sanguigno AB0, il locus genico con cui viene determinato il singolo gruppo sanguigno, i ricercatori hanno trovato un effetto ancora maggiore per una variazione genetica sul cromosoma 3. Tra i pazienti italiani e spagnoli che erano stati gravemente colpiti dal Covid19 al punto da essere aiutati con ossigeno e ventilatore, un numero particolarmente elevato di essi era portatore di questa caratteristica genetica.

“I risultati sono stati molto eccitanti e sorprendenti per noi”, ha detto il prof. Franke. In particolare, la regione sul cromosoma 3 non era stata precedentemente associata dagli scienziati al Covid-19.

“Con il cromosoma 3 e il locus del gruppo sanguigno AB0 descriviamo le cause reali di un grave decorso di Covid-19”, afferma il prof. Franke. “I nostri risultati quindi creano una base eccellente per lo sviluppo di sostanze attive in grado di colpire i geni candidati trovati. È stato dimostrato che uno studio clinico in cui viene testato un farmaco ha il doppio del successo se sono già disponibili prove genetiche per il bersagli. I risultati potrebbero anche contribuire a una migliore valutazione del rischio per un decorso grave di Covid-19”.

Confermato lo studio cinese e quello americano

Lo studio ha quindi confermato due precedenti ricerche internazionali che avevano già descritto una possibile correlazione tra le caratteristiche dei gruppi sanguigni e la malattia usando il sangue di pazienti Covid-19.

Le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori europei infatti hanno fornito nuove prove a quanto sostenuto da una  ricerca preliminare condotta a Wuhan e Shenzhen secondo cui i pazienti con il gruppo sanguigno A avevano un più alto tasso di infezione e tendevano ad avere sintomi più importanti, mentre quelli con il tipo 0 “avevano un rischio significativamente più basso”. Allora, i ricercatori cinesi affermarono che si trattava di uno studio preliminare e che era necessario ulteriore lavoro per confermare la loro ipotesi.

 

Anche un secondo studio, questa volta condotto negli Stati Uniti su 750mila persone, era arrivato alla medesima conclusione. I risultati preliminari della ricerca, condotta dalla società californiana 23andMe, hanno evidenziato che il gruppo sanguigno O sembra essere protettivo nei confronti del coronavirus rispetto a tutti gli altri gruppi sanguigni e le persone con questo gruppo sanguigno hanno tra il 9-18% in meno di probabilità di essere  positivi per Covid-19 rispetto agli individui con altri gruppi sanguigni.

E’ emerso anche che la percentuale più alta di persone positive al coronavirus apparteneva al gruppo sanguigno AB.

Anche se non è ancora possibile affermare con certezza che il gruppo sanguigno sia responsabile di una maggiore o minore possibilità di contrarre la malattia e della gravità con cui essa può presentarsi, i nuovi risultati sembrano andare in questa direzione.

Fonti di riferimento: The New England Journal of Medicine, Christian-Albrecht-University 

LEGGI anche:

ISS: coronavirus a Milano e Torino già a dicembre 2019, la nuova conferma nelle acque di scarico

I raggi ultravioletti hanno davvero un potere germicida contro il coronavirus. La conferma italiana

Coronavirus: la “piramide dei contagi” e della mortalità in base alle fasce d’età nello studio del Lancet

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook