Quando la lavatrice diventa un serbatoio di germi resistenti e pericolosi. Lo studio nell’ospedale pediatrico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le lavatrici possono diventare incubatrici per germi pericolosi e anche il bucato appena lavato e apparentemente pulito, può essere contaminato da batteri e virus.

La conferma arriva dai ricercatori dell’Università di Bonn, che hanno esaminato le cause alla base della trasmissione di agenti patogeni tra i neonati ricoverati in ospedale.

All’interno del reparto pediatrico venivano rilevate di frequente contaminazioni da Klebsiella oxytoca, batterio che provoca infezioni a carico del sistema gastrointestinale e dell’apparato respiratorio. Nel peggiore dei casi, questo microrganismo patogeno può causare una sepsi che può condurre alla morte.

Durante il periodo compreso tra l’aprile del 2012 e il maggio 2013, 13 neonati e un bambino ricoverati nel reparto pediatrico sono stati più volte infettati da questo batterio, nonostante l’applicazione di misure igieniche straordinarie, così l’ospedale si è avvalso dei ricercatori dell’Istituto di igiene per scoprire la causa della contaminazione.

I rilievi effettuati dagli igienisti hanno scoperto che l’origine della trasmissione si trovava nel seminterrato della struttura ospedaliera e più precisamente nella lavatrice. La presenza del batterio è stata riscontrata nel cassetto e sulle guarnizioni dello sportello della macchina lavasciuga utilizzata per il lavaggio della biancheria dei neonati ricoverati.

Fortunatamente non sono state registrate infezioni serie tra i bambini e dopo aver sostituito la lavatrice non è più stata rilevata la presenza del batterio.

La ricerca, pubblicata sulla rivista “Applied and Environmental Microbiology”, ha dimostrato per la prima volta che la lavatrice può essere serbatoio di germi e che i vestiti lavati in lavatrice possono trasmettere microrganismi pericolosi per gli uomini e resistenti agli antibiotici.
Questo potrebbe dipendere dal fatto che le macchine accumulino acqua all’interno dei cassetti e delle guarnizioni, creando un ambiente favorevole alla crescita di microrganismi che contaminano poi gli abiti.

In realtà questo non rappresenta un pericolo per le persone adulte in buone condizioni di salute, ma può diventarlo per i neonati, per gli anziani e per le persone con un sistema immunitario debole o compromesso.

Se in famiglia vivono soggetti a rischio, il consiglio è di lavare gli abiti a temperature pari o superiori ai 60°C, per garantire l’uccisione di microrganismi patogeni. Inoltre è consigliabile almeno una volta al mese una pulizia più approfondita della lavatrice , soprattutto delle guarnizioni.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook