@Demiahl/pixabay.com

L’app gratuita che aiuta a resistere al cibo spazzatura e a perdere peso giocando, creata dagli scienziati finlandesi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I ricercatori dell’università di Exeter hanno messo a punto un’app che aiuta a consumare meno cibo spazzatura e a perdere peso.

Si chiama Food Trainer ed è una nuova applicazione per cellulare che aiuta le persone a mangiare meglio e, conseguentemente, a perdere peso aiutandoli nella scelta degli alimenti più salutari. Il software, sviluppato sotto forma di gioco interattivo, è frutto della collaborazione fra le università di Exeter e Helsinki e ha come obiettivo quello di ridurre il consumo giornaliero di cibo spazzatura.

L’app è stata testata su 1.234 partecipanti che l’hanno utilizzata per almeno dieci volte e che ne hanno seguito i consigli proposti. In tutti i volontari è stata registrata una perdita di peso media di mezzo chilo e un piccolo miglioramento nelle loro abitudini alimentari – per esempio, chi era solito consumare junk food da due a quattro volte alla settimana, ha ridotto la frequenza a una volta a settimana dopo un mese di utilizzo dell’app.

In generale, i risultati sono molto incoraggianti. L’app è scaricabile gratuitamente e il gioco richiede un impegno di circa quattro minuti al giorno, un tempo ragionevole – spiega la professoressa Natalia Lawrence, dell’Università di Exeter. – Ci sono prove, inoltre, che i benefici derivanti dall’uso di questa app siano più evidenti nelle persone maggiormente in sovrappeso, e questo era ciò che speravamo di vedere, perché quest’app è dedicata soprattutto a scardinare i meccanismi che conducono all’obesità, come il desiderio e il consumo di cibo spazzatura.

L’app fornisce anche un database di informazioni utili agli sviluppatori: chi la usa, infatti, viene periodicamente sottoposto a questionari sulla frequenza del consumo di certi cibi, insieme ad altre informazioni come peso ed età. I risultati emersi dimostrano che un uso regolare dell’applicazione è legato a più ampi cambiamenti nelle abitudini alimentari.

Se si sta provando a insegnare al cervello qualcosa di nuovo, è una buona idea ‘spalmare’ l’apprendimento in vari momenti – aggiunge il dottor Matthias Aulbach, dell’Università di Helsinki. – Può essere utile utilizzare l’app in contesti diversi, non solo a casa, ma anche al lavoro o altrove, in modo che le associazioni apprese non si limitino a un unico ambiente. Dai risultati finora raccolti sembra importante che l’app venga utilizzata regolarmente e senza interruzioni, per questo consigliamo di personalizzarla il più possibile, in modo che l’utilizzo non diventi noioso.

Fonte: University of Exeter

Ti consigliamo anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook