Ittiosi Arlecchino: cos’è, cause, sintomi e possibili trattamenti

neonato-prematuro

Probabilmente nessuno tra noi aveva mai sentito parlare dell’Ittiosi Arlecchino, rara e grave malattia genetica diventata oggi famosa per il caso di Giovannino, il bambino di 4 mesi abbandonato dai genitori proprio in quanto affetto da questa malattia. Scopriamo di cosa si tratta.

L’Ittiosi Arlecchino, variante più grave dell’ittiosi congenita autosomica recessiva, è una malattia molto rara (ne è affetto circa 1 bambino su 1 milione) che comporta un’altissima mortalità neonatale. È associata infatti a problemi nella regolazione della temperatura, disturbi respiratori, difficoltà nell’alimentazione e a un serio rischio di contrarre infezioni.

Chi sopravvive presenta una serie di gravi sintomi.

I sintomi

L’Ittiosi Arlecchino colpisce in particolare la pelle. Già al momento della nascita si evidenziano gravi danni alla pelle che, in questi bambini, è avvolta da una membrana di collodio (che assomiglia a uno strato cutaneo aggiuntivo). Compaiono squame quadrangolari, grandi e spesse (che ricordano appunto la maschera di Arlecchino e da qui il nome) che poi desquamano in maniera cronica e di fatto incurabile.

Queste specie di placche si trovano su tutto il corpo, viso compreso, e sono molto invalidanti anche per i movimenti (è come se si formasse una specie di corazza). Anche i lineamenti del viso sono sformati da questa terribile condizione, in particolare le palpebre, le labbra e il naso sono le zone che risentono maggiormente.

In molti casi poi i neonati hanno le dita dei piedi unite.

ittiosi-arlecchino-malattia

I bambini che soffrono di questa rara malattia genetica hanno generalmente problemi agli occhi e ritardo psico-motorio. Rischiano poi di sviluppare forme gravi di ittiosi lamellare nella sua variante non bollosa, ossia presentare pelle desquamata e arrossata ma senza vesciche.  Dopo poche settimane dalla nascita, infatti, la membrana di collodio si stacca e si trasforma in un’eritrodermia con desquamazione molto seria.

Altri sintomi che presentano spesso le persone affette da questa malattia rara sono:

  • bassa statura
  • malformazioni delle orecchie e delle dita
  • anomalie ungueali
  • alopecia

Cause

La causa dell’ittiosi Arlecchino è genetica e si riscontra in quanto vi è una alterazione del gene ABCA 12 del cromosoma 2. Entrambi i genitori devono avere il gene recessivo della malattia per poterla trasmettere ai propri figli.

Trattamenti

Non esiste una cura per questa malattia ma certamente il supporto medico è fondamentale per assicurare la miglior vita possibile a chi ne è affetto, limitando il più possibile i sintomi. E’ necessario l’apporto non solo di dermatologi ma che di oculisti, dietologi e psicologi nell’ambito di una presa in carico del paziente a 360°.

Come trattamenti per migliorare la sintomatologia si usano in particolare emollienti, cheratolitici e retinoidi.  La pelle va trattata almeno tre volte al giorno con olio e crema idratante, scrub e unguenti particolari.

ittiosi-nelly

Il caso di Nelly, la persona affetta da ittiosi arlecchino più longeva al mondo

L’ittiosi Arlecchino è presente anche nel resto del mondo, fortunatamente, sempre in maniera molto rara. Nusrit Shaheen, che tutti chiamano Nelly, è la persona più longeva affetta da questo tipo di ittiosi. Ha 35 anni e vive nel Regno Unito. Cerca di condurre una vita il più possibile normale anche se è costretta, ogni giorno, a fare scrub, bagni e utilizzare unguenti speciali (le sono necessari 3 barattoli di crema a settimana!).

evan-ittiosi

Un altro giovane guerriero si chiama Evan e oggi ha 5 anni!

Speriamo per tutti loro e per il piccolo Giovannino che si trovi presto qualche cura per alleviare del tutto i sintomi e guarire da questa terribile malattia.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Coop

Natale Green, dal menù ai regali, dalle decorazioni alla tavola, la guida per le feste

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Seguici su Instagram
seguici su Facebook