Tintarella a tutti i costi: 4 italiani su 10 sfidano il sole senza protezione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Abbronzarsi in fretta, in modo da poter sfoggiare subito una bella tintarella, è ormai diventato un “modus vivendi”, tanto che il 40% degli italiani si espone al sole senza proteggersi, pur essendo consapevole dei rischi.

Il prezzo che si potrebbe pagare però è molto alto, ma – a quando pare – non è un problema che preoccupa. E se da un lato la paura delbatterio killer E.Coli ha fatto crollare in modo ingiustificato il consumo di cetrioli e germogli di soia, dall’altro la paura di ammalarsi di cancro alla pelle per colpa di una cattiva esposizione al sole non è affatto diffusa.

A tracciare questo quadro inquietante, che in tema di abbronzatura mostra una temerarietà diffusa tra gli italiani, è un’indagine della GfK Eurisko, presentata al Congresso Nazionale di Scienze dermatologiche tenutosi a Sorrento, condotta su un campione di mille persone a partire dai 14 anni in su.

Secondo quanto emerge dallo studio, il 40% degli intervistati – pur essendo consapevoli dei rischi dati dai raggi solari sulla pelle e la salute – fa a meno della protezione solare durante le giornate in spiaggia, ma anche in occasione di passeggiate, scampagnate e sul motorino, situazioni durante le quali si prende il sole senza accorgersene.

Senza un’adeguata protezione infatti, i rischi per la pelle possono dare conseguenze davvero spiacevoli. Qualche esempio?
Invecchiamento precoce, rughe e gravi tumori della pelle, come il melanoma.

Abbiamo ripetuto un’indagine già condotta con gli stessi criteri 10 anni fa. – ha detto Isabella Cecchini di Eurisko – È cresciuta la consapevolezza dei danni da sole, ma come eventualità distante: chiedendo ai partecipanti se percepissero a rischio la loro stessa pelle, solo il 46% ha detto di sì. È cambiato anche l’atteggiamento verso i solari, che oggi non sono più considerati cosmetici, ma strumenti di salute: dal 2001 a oggi gli italiani che li usano, scegliendo indici di protezione maggiori rispetto al passato, sono 4 milioni in più. Ma c’è ancora un 28% che non mette alcuna protezione e un 11% che ricorre a prodotti diversi dai filtri solari”.

Insomma, gli italiani pensano di essere intoccabili e a rischiare sono soprattutto i giovani, meno informati, più temerari e più sensibili ai raggi solari. Quindi attenzione, tintarella sì, ma con buon senso!

Verdiana Amorosi

Leggi tutti i nostri consigli sull’abbronzatura

Leggi i nostri articoli sui solari biologici

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook