Isernia è l’unica provincia italiana senza casi di coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Italia c’è un solo luogo dove il coronavirus non si è ancora insidiato. Si tratta di Isernia, in Molise, dove al momento non si registrano casi positivi. Gli abitanti però, circondati dall’emergenza, sanno che la situazione di tranquillità potrebbe non durare a lungo.

Particolarmente fortunati o molto scrupolosi? Gli abitanti di Isernia e provincia sono gli unici, anzi gli ultimi, in Italia in quanto a contagi da coronavirus. Il nuovo SARS-CoV-2 non si è ancora insinuato in questi luoghi e ad oggi, Isernia, è l’unica città italiana che non registra alcun caso di contagio.

Naturalmente, però, gli abitanti (83mila in tutta la provincia) si sentono in una sorta di fortino e continuamente sotto attacco per via di questa vicina minaccia.

Anche il sindaco Giacomo D’Apollonio ha lanciato nei giorni scorsi l’appello ai suoi cittadini di non abbassare la guardia. Sono state attivate diverse misure nella zona per evitare i contagi: le persone devono stare a casa e per questo viene portata la spesa direttamente nelle abitazioni degli anziani, sono state controllate tutte le persone rientrate dal Nord Italia, ci sono posti di blocco sull’autostrada e altro.

Come ha dichiarato il sindaco a La Repubblica:

“Abbiamo attivato il Centro operativo comunale, come per i terremoti, portiamo la spesa a casa degli anziani, la lasciamo sullo zerbino. E controlliamo tutti quelli che rientrano dal Nord Italia, almeno chi si è autodenunciato. Noi contiamo 1500 studenti fuorisede, studiano alle università di Milano e Bologna. Quindici ragazzi sono in isolamento volontario. Abbiamo messo a bilancio anche la pulizia straordinaria delle maggiori strade cittadine e la sanificazione. Due mercati bisettimanali insediati nell’angusta area storica sono stati sospesi. Quando è guerra è guerra”.

Ma come mai nessun caso? Prova a dare una spiegazione a questa apparente fortuna il sindaco stesso:

“La mia gente ama stare all’aperto, abbiamo una larga campagna. Siamo pochi, ventiduemila in città, e con parecchio spazio intorno. Questo ci ha preservato, le distanze, i boschi, ma adesso non è più sufficiente. Bisogna stare rintanati”.

Invita tutti i cittadini a stare sereni ma a continuare a seguire tutte le buone norme per evitare i contagi: “la gente ha capito che possiamo salvarci solo se siamo rigorosi”.

Seguiamo l’esempio di Isernia, prendiamo seriamente la questione e scegliamo di essere seri e rispettare le regole stabilite per uscire quanto prima da questo incubo.

Fonte: La Repubblica 

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook