Serotonina e batteri: il segreto del nostro benessere è nell’intestino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sapevate che i batteri che vivono dentro di noi sono più numerosi delle nostre cellule? L’interesse dei ricercatori va verso i batteri buoni che si trovano nel nostro intestino e che influenzano la produzione della serotonina, uno dei neurotrasmettitori che ci aiutano a mantenere il buonumore e a contrastare le infiammazioni.

L’intestino è davvero il nostro secondo cervello perché gioca un ruolo importante nell’equilibrio del nostro organismo. Nell’intenstino vivono miliardi di microrganismi e gli scienziati stanno studiando sempre più a fondo la loro utilità.

I ricercatori dell’Università di Saragozza, in Spagna, e dell’Università di Exeter, nel Regno Unito, hanno studiato una proteina nota come TLR2 che risulta legata al microbiota intestinale e alla regolazione dei livelli di serotonina, un neurotrasmettitore che invia messaggi al cervello e che è presente anche nell’intestino, dove influisce sulla sua regolarità.

Il microbiota umano è l’insieme di microorganismi simbiontici che si trovano nel nostro tubo digerente. A volte si fa riferimento al microbiota chiamandolo flora intestinale o flora batterica.

Leggi anche: SEROTONINA: 10 MODI PER STIMOLARE L’ORMONE DEL BUONUMORE

I ricercatori hanno condotto i propri studi in provetta su cellule umane e hanno verificato che il microbiota può influenzare la fisiologia umana modulando le attività di trasporto della serotonina. I batteri presenti nel nostro intestino – che formano il microbiota intestinale – sono insomma in grado di regolare i nostri livelli di serotonina.

Leggi anche: INTESTINO SECONDO CERVELLO: PERCHÉ?

La nuova ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Plos One con il titolo ‘Intestinal serotonin transporter inhibition by Toll-like receptor 2 activation. A feedback modulation’. Nel frattempo gli esperti di tutto il mondo stanno cercando di approfondire il legame invisibile tra i batteri che vivono nel nostro corpo e il funzionamento del nostro organismo.

Gli scienziati ritengono che, ad esempio, le infiammazioni intestinali possano presentarsi quando la proteina TLR2 non funziona a dovere.

Il nuovo studio sottolinea che la proteina TLR2 altera la disponibilità della serotonina, che è considerata un fattore molto importante in diversi disturbi, come la depressione o le infiammazioni intestinali.

Per trovare nuove cure i ricercatori sostengono che servirà ancora tempo. È infatti necessario comprendere molto meglio il legame tra la presenza di batteri nel nostro intestino e il loro funzionamento.

È comunque certo, secondo gli autori del nuovo studio, che la proteina TRL2 sia in grado di regolare il trasporto della serotonina e di interagire con il microbiota.

Marta Albè

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook