Paziente allergica agli antidolorifici operata con elettroagopuntura e preparati omeopatici a Pisa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ un intervento che lascia a bocca aperta quello a cui è stata sottoposta una paziente presso il Centro di Chirurgia robotica di Pisa. La donna, pluriallergica, è stata operata utilizzando al posto della tradizionale anestesia, elettroagopuntura e preparati omeopatici.

Si è trattato di un intervento di chirurgia ginecologica davvero innovativo dato che si è svolto con anestesia integrata. Questo è stato reso necessario dal fatto che la paziente era allergica ad oppiodi e antidolorifici e dunque era preferibile evitare l’utilizzo dei più tradizionali farmaci.

L’anestesia generale è stata quindi eseguita integrando con alcune pratiche di medicina alternativa per tenere sotto controllo il dolore durante l’intervento e nel post-operatorio. A questo scopo sono stati utilizzati dei preparati omeopatici e una seduta di elettroagopuntura in preparazione all’operazione.

Tutto è andato per il meglio e la gestione del dolore senza utilizzo di farmaci ha dato ottimi risultati. Come ha spiegato in una nota l’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana (Aoup):

“Il dolore durante l’intervento e nel postoperatorio è stato ben controllato con un decorso postoperatorio del tutto regolare che ha permesso la consueta dimissione dopo 48 ore dall’intervento chirurgico. In Aoup sono stati effettuati circa 80 interventi in anestesia integrata, prevalentemente nel Centro senologico, diretto dalla dottoressa Manuela Roncella, ma anche in altre branche chirurgiche. L’anestesia integrata può quindi essere una valida opzione nelle situazioni ove il trattamento del dolore intra e postoperatorio non può essere trattato con oppioidi e analgesici o qualora ci fosse un esplicita richiesta del paziente di non voler assumere tali farmaci”.

L’équipe che si è occupata dell’intervento della paziente, eseguito nelle sale operatorie del Centro di Chirurgia robotica di Pisa, era composta dal ginecologo Vito Cela, dall’anestesista Letizia Ricci e dall’anestesista esperto in medicina complementare Filippo Bosco.

pisa-intervento-anestesia

Dalla struttura ospedaliera fanno sapere che questa tecnica può utilizzata solo su pazienti selezionati e adeguatamente preparati.

Una bella rivincita per chi si cura con le medicine alternative.

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook