Aloe Vera, l’integratore più amato dagli italiani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Aloe Vera, ecco l’integratore più amato dagli italiani, che apprezzano anche valeriana, ginseng, mirtillo e semi di finocchio. Il 20% degli europei (1 cittadino su 5) farebbe uso di integratori alimentari a base di erbe. Al primo posto in Europa troviamo il ginkgo biloba, secondo i risultati del progetto PlantLibra, pubblicati sulla rivista PlosOne.

Gli esperti si sono occupati di approfondire il tema dell’utilizzo di integratori a base di erbe in Europa, valutando il profilo sociologico dei consumatori e la frequenza di acquisto, per individuare i più popolari. Si tratta di prodotti regolamentati in modo molto diverso da un Paese all’altro e fino a questo momento non erano disponibili dati precisi al riguardo.

Lo studio PlantLibra cerca di fare chiarezza sul tema degli integratori e del loro consumo. Il progetto ha coinvolto 6 Paesi europei: Italia, Spagna, Germania, Regno Unito, Finlandia e Romania. Siamo proprio noi italiani a ricorrere di più agli integratori, per un totale del 22,7% dei cittadini. La Finlandia, invece, si trova in coda, con il 9,6%.

Il consumatore medio di integratori ha più di 40 anni, ha un buon livello di istruzione e dichiara di non aver mai fumato. La stragrande maggioranza degli intervistati (75,5) ritiene di godere di una salute molto buona. Il 65,1% sceglie integratori a base di erbe ma non fa uso di integratori di altro tipo, ad esempio a base di vitamine.

In Europa il ginkgo biloba è il più amato, seguito da carciofo e ginseng, mentre l’aloe vera è in quinta posizione. Le preferenze variano in base all’età e da un Paese all’altro. Ciò può riflettere i regolamenti nazionali vigenti, che possono inserire gli integratori in categorie specifiche di prodotti, che li avvicinano o li allontanano dai medicinali.

In Italia l’integratore più acquistato e utilizzato è l’Aloe Vera. L’Aloe Vera, come integratore alimentare, viene impiegato soprattutto sotto forma di succo. Aiuta a regolare le funzioni del sistema immunitario, favorisce la digestione e contribuisce alla depurazione dell’organismo, agendo soprattutto sul fegato. Gli integratori alimentari all’Aloe Vera in vendita di norma sono privi di aloina, una sostanza che a lungo andare può risultare tossica.

Lo studio in questione ha comunque riguardato un gruppo di intervistati piuttosto ristretto – solo 378 persone – ed ha indagato il ricorso agli integratori vegetali esclusivamente nei 12 mesi precedenti. Per conoscere in modo più approfondito le abitudini degli italiani e degli europei riguardo agli integratori alimentari saranno necessarie ulteriori ricerche.

ACQUISTA L’ALOE VERA SU AMAZONimmagine

Marta Albè

Leggi anche:

10 integratori alimentari di cui potreste aver bisogno

10 integratori naturali ed efficaci

20 fantastici utilizzi dell’Aloe Vera
Gel Aloe Vera: in crema o in succo, gli utilizzi

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook