Come gli inquinanti e le sostanze tossiche hanno influito sulla tua fertilità. Lo studio e il test gratuito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“Le sostanze tossiche hanno rotto le palle”, così si chiama il primo studio dello sperma degli uomini italiani che mira a valutare quanto la contaminazione ambientale incida sull’infertilità

Che impatto hanno inquinanti e pesticidi sulla fertilità maschile? A chiederselo è un centro di riproduzione assistita spagnolo che opera anche in Italia e da tempo ha individuato le sostanze chimiche tossiche come la principale causa dell’infertilità maschile.

Si tratta dell’Institut Marquès che qui da noi ha lanciato il primo studio dal nome insolitoLe sostanze tossiche hanno rotto le palle – sulla fertilità rivolto agli uomini di età superiore ai 18 anni attraverso un’analisi gratuita e anonima dello sperma proprio per capire quanto la contaminazione ambientale incida sull’infertilità maschile.

Un vero e proprio studio prospettico che in Italia è unico nel suo genere.

In Italia – si legge sul sito dell’Institut Marquès – non sono stati mai realizzati studi prospettici che valutino la qualità dello sperma della popolazione maschile. Il primo studio dello sperma nazionale in Italia consentirà di determinare la qualità dello sperma degli italiani e di stabilire in che misura fattori come le tossine ambientali influiscano sul deterioramento dello sperma”.

Sotto la lente vanno a finire i soliti composti organici persistenti, i cosiddetti Pop, tra cui le diossine, i furani e i Pcb, con i quali entriamo in contatto sia per inalazione sia attraverso l’alimentazione, e i composti come gli ftalati o i pesticidi, come il glifosato.

estudio semen casa

Negli ultimi anni è stata registrata una lenta diminuzione della quantità e della qualità dello sperma, in termini di mobilità e morfologia. In 6 coppie su 10 che ricorrono a trattamenti di riproduzione assistita per diventare genitori, i partner maschili hanno alterazioni dello sperma, più o meno gravi.

grafico fertilità mondo

Come partecipare allo studio dell’Institut Marquès

Per realizzare lo studio l’Institut Marquès promuove le analisi dello sperma in forma gratuita e anonima: tutti gli uomini italiani maggiori di 18 anni potranno conoscere la qualità del proprio seme. L’importanza di un esame del seme è riconducibile non soltanto alla fertilità, dal momento che la qualità dello sperma può essere anche collegata all’insorgere di alcune malattie.

Qui potrete conoscere tutto il procedimento per partecipare allo studio.

Leggi anche

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook