Andare in bici e a piedi fa bene alla salute, anche se le nostre città sono inquinate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Andare in bici e a piedi fa bene alle salute anche se, purtroppo, le nostre città sono inquinate. L’inquinamento, per fortuna, non annulla i benefici del movimento all’aria aperta e fare attività fisica resta comunque molto importante per il nostro benessere.

Un nuovo studio dell’Università di Cambridge condotto da Marko Tainio ha evidenziato che per annullare i benefici delle camminate o degli spostamenti in bicicletta i livelli di inquinamento dovrebbero essere davvero molto elevati.

Non possiamo certo smettere di preoccuparci dell’inquinamento, ma possiamo provare a non considerarlo un ostacolo eccessivo per la nostra attività fisica all’aria aperta, ovviamente sapendo che i vantaggi saranno ancora maggiori se sceglieremo un luogo dove l’aria in genere è più pulita, ad esempio un bel parco lontano dal traffico.

I ricercatori del CEDAR, che hanno lavorato in collaborazione con le Università di Cambridge e dell’East Anglia, e con il Medical Research Council, hanno utilizzato delle simulazioni per comparare i rischi e i benefici di diversi livelli di intensità e durata degli spostamenti all’aria aperta e dell’inquinamento atmosferico in diverse località di tutto il mondo, utilizzando informazioni provenienti da studi epidemiologici internazionali e da meta-analisi.

In media nel mondo, secondo i dati presi in considerazione dai ricercatori, si registra un livello di particolato fine (PM2.5) pari a 22 microgrammi per metro cubo. Con questo tipo di inquinamento i benefici dell’attività fisica e degli spostamenti all’aria aperta continuano ad essere maggiori rispetto ad eventuali rischi per la salute.

I rischi superano i benefici solo quando il livello di PM2.5 raggiunge i 100 microgrammi per metro cubo. Per fare qualche esempio, questo livello al momento è pari a 66 a Londra, 38 a San Francisco e 42 a Toronto. Per quanto riguarda l’Italia, si registra un indice di inquinamento moderato, pari a 59, a Lecce e a Lamezia Terme (qui potete cercare altre città).

Questo studio non vuole per nulla suggerire di sottovalutare i problemi causati dall’inquinamento, anzi. I ricercatori infatti credono che lo studio possa fornire un punto di partenza per promuovere investimenti per la creazione di infrastrutture che consentano sempre più ai cittadini di lasciare a casa l’auto a favore degli spostamenti a piedi e in bici, una buona abitudine che di per sé consente di ridurre l’inquinamento e di supportare la salute e l’attività fisica.

Marta Albè

Leggi anche:

frecciaINQUINAMENTO: 10 CONSIGLI ANTI-SMOG DEL MINISTERO DELLA SALUTE

frecciaINQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO: COME DIFENDERSI DALL’ELETTROSMOG IN CASA

frecciaSMOG: 7 CONSEGUENZE DELL’INQUINAMENTO SULLA SALUTE DEI BAMBINI

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook