Inquinamento, a rischio anche le dimensioni del pene e la virilità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se le dimensioni del pene affliggono il vostro partner, invitatelo a trasferirsi in aperta campagna. Già, pare che l’inquinamento incida negativamente sia sulla lunghezza dell’organo sessuale maschile.

A rivelarlo è stato uno studio condotto presso l’Università di Padova. La ricerca ha in qualche modo riprodotto ciò che la maggior parte dei maschietti, soprattutto giovani, fa di solito: confronta le proprie dimensioni con quelle degli amici. Ebbene, gli studiosi hanno messo in relazione le dimensioni di 2000 ragazzi italiani contro quelle di altrettanti coetanei americani, ma risalenti al 1948 (rapporto Kinsey).

Ed è qui che iniziano le pene del pene: gli americani di 60 anni fa erano mediamente più dotati rispetto a quelli di oggi. La differenza, a detta degli esperti, è allarmante: se ai tempi di Truman e nei primi anni della Repubblica in Italia, in media si sfioravano i 9,7 centimetri “a riposo”, oggi le misure si aggirano attorno ai 8,9 centimetri. In soli 60 anni, quindi, avremmo perso un centimetro.

I problemi iniziano già in fase di gestazione, prima del concepimento. Già in questa fase, infatti, il bambino può subire dei danni all’apparato riproduttivo a causa dell’inquinamento. Come ha spiegato il coordinatore della ricerca, il professor Foresta “diossine, pesticidi, metalli pesanti, additivi di plastiche, vernici e detergenti possono agire in due modi: riducendo l’attività degli ormoni maschili androgeni o mimando l’attività degli estrogeni femminili“. Di conseguenza, il calo degli androgeni provoca la riduzione della misura del pene e dei testicoli, nonché una diminuzione della virilità maschile.

Certo, più volte abbiamo sentito affermare o abbiamo detto che le misure del pene non sono importanti, che nel sesso a fare la differenza è altro, la complicità, la passione, l’armonia di coppia, ma continuando di questo passo, con l’inquinamento galoppante e la scarsa attenzione per l’ambiente, probabilmente servirà una lente d’ingradimento. Corriamo ai ripari, teniamo pulito la nostra Terra, salviamo le generazioni future, prima di ritrovarci in un mondo di eunuchi.

Francesca Mancuso

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook