©Pixabay

Cosa può succedere ai tuoi piedi se indossi le infradito troppo spesso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Estate tempo di piedi scoperti! Non c’è niente di più piacevole che togliersi stivali e scarpe strette e chiuse e sfoggiare un bel piedino di cui ci siamo presi amorevolmente cura, magari con qualche ricetta fai-da-te per esfoliare e defaticare. Tuttavia, anche se sembrano comode, ricordatevi che soprattutto le infradito, ma anche le ballerine, possono essere molto dannose per la salute dei piedi.

Ciabatte e sandali aperti, in genere, sono la scelta migliore per andare in piscina o in spiaggia ma, nel quotidiano, l’ideale sarebbe optare per un altro tipo di calzatura.

Leggi anche: Ciabatte infradito: 10 motivi per non usarle secondo i podologi americani

Secondo i fisioterapisti, infatti, infradito e ballerine non offrono alcun tipo di supporto per l’arco del piede. Ciò significa che alla lunga le suole di queste scarpe rendono i piedi piatti e non solo: i passi di chi cammina con le infradito richiedono una pressione più intensa sul tessuto plantare, che collega le dita dei piedi al tallone. Questo aumenta il rischio di sviluppare fascite plantare.

Fateci caso: quando indossiamo questo tipo di calzature, applichiamo uno sforzo importante delle dita dei piedi per non perderle mentre camminiamo. Questo piegamento verso l’interno delle dita per lungo tempo e ripetutamente può causare tendiniti, oltre a dolore ai piedi, fianchi e regione bassa della schiena.

In più, le ciabatte infradito possono:

  • esporre i piedi a batteri, virus e funghi che possono irritare la pelle. I rischi aumentano se sono presenti delle ferite sui piedi
  • aumentare il rischio di lesioni in generale, come calpestare vetri, chiodi, insetti velenosi
  • rallentare l’andatura
  • far inciampare: indossare le infradito ci porta a fare passi più brevi, rende la nostra andatura più goffa e aumenta il rischio di inciampare, soprattutto se camminiamo tra la folla
  • danneggiare i talloni: con le infradito, infatti, i talloni sono sottoposti ad impatti continui. Ecco perché indossare le infradito per una giornata intera può provocare dolori ai talloni

Leggi anche: Dal tallone screpolato al gonfiore, cosa dicono i tuoi piedi della tua salute?

  • causare vesciche: indossare a lungo le infradito può causare tagli e vesciche a causa della conformazione e dei materiali di cui sono costituite queste ciabatte. Le vesciche sono provocate soprattutto dai continui sfregamenti. Possono formarsi delle ferite aperte molto esposte a batteri e infezioni

Leggi anche: Vesciche ai piedi: cause, rimedi naturali, come prevenire e come intervenire

  • rovinare le dita dei piedi: le infradito possono danneggiare in modo permanente le dita dei piedi, che possono incurvarsi “a martello” a causa dello sforzo necessario per mantenere le infradito nella giusta posizione
  • alterare la postura: le infradito hanno una suola piatta che non si piega come farebbe il nostro piede quando camminiamo a piedi nudi. Ciò altera i movimenti naturali del piede e mette in pericolo la postura corretta
  • causare dolori
  • provocare calli: la giuntura che si infila tra alluce e secondo dito del piede a lungo andare può provocare dolore, fastidio e la formazione di calli che vi costringeranno a cambiare tipo di scarpe
  • possono contenere sostanze tossiche: le cinghie delle infradito possono essere realizzate in lattice, a cui alcune persone sono allergiche, oppure in plastica contenente BPA

In definitiva, quindi, usate le infradito (e le ballerine) solo lo stretto necessario, come per andare al mare o in piscina, e non guidate mai un veicolo con le infradito, perché aumentano il rischio di incidenti (oltre ad essere vietato dalla normativa stradale).

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook