Bentornata influenza! Ecco come difenderci (senza ricorrere ai vaccini)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non inganni il clima mite di questi giorni. L’influenza è dietro l’angolo e ad esserne colpiti sono già quasi 100mila italiani. A rivelarlo è la rete Influnet, coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss), in collaborazione con il Centro interuniversitario per la ricerca sull’influenza (Ciri-It) di Genova e il sostegno del ministero della Salute.

Così, dopo l’estate più calda di sempre, ancora ci troviamo a fare i conti con giornate di sole pieno che si alternano a serate umide e decisamente più fresche che ci danno il colpo di grazia.

Secondo i dati, i più colpiti sono i bambini: dal 26 ottobre al 1° novembre, nella fascia di età fino ai 4 anni l’incidenza è stata pari a 2,24 casi per mille assistiti.

LEGGI anche: Febbre dei bambini: 5 modi per affrontarla senza ansia e i casi in cui rivolgersi al pediatra

Il picco dell’influenza sarebbe previsto per gennaio con 1 milione di casi, per una stima totale di 5 milioni di persone nel corso di tutta la stagione. Durante la 44esima settimana del 2015, segnala Influnet, il valore dell’incidenza totale è stato pari a 0,70 casi per mille assistiti (il dato più alto è come di consueto nella fascia 0-4 anni, per la quale si registrano 2,24 casi per mille assistiti).

L’attività di virus è ai livelli di base e in tutte le regioni l’incidenza è sotto la soglia epidemica.

La curva sta comunque lentamente salendo e si è passati dai 23.600 casi stimati nella prima settimana di sorveglianza a 42.300 dell’ultima monitorata (26 ottobre-1 novembre).

Sicuramente le belle giornate sono da sfruttare per fare attività fisica, rafforzare l’organismo e prepararlo ai mesi freddi – avverte Fabrizio Pregliasco, virologo del Dipartimento di scienze biomediche per la salute dell’università degli Studi di Milano – ma dobbiamo premunirci e prepararci ad affrontare l’abbassamento repentino delle temperature”.

incidenza influenza 2015

I RIMEDI NATURALI CONTRO L’INFLUENZA – Quali sono i metodi naturali per combattere il virus influenzale di stagione, senza dover necessariamente ricorrere al vaccino o ai medicinali tradizionali?

Un ottimo metodo per evitare di venire in contatto con il virus è sicuramente lavarsi le mani di continuo: dopo aver preso i mezzi pubblici, aver toccato maniglie e stretto mani altrui.

Ricordatevi, inoltre, di mantenere sempre l’aria pulita, facendo aerare frequentemente gli spazi in cui soggiornate, bere molta acqua, evitare gli sbalzi di temperatura, bere spesso tisane e te caldi e, infine, di prendere regolarmente piccole quantità di propoli ed echinacee, aiuti naturali contro le infiammazioni e le influenze.

A TAVOLA – Non mangiate cibo né troppo freddo, né troppo caldo. La dieta deve fornire nei mesi più rigidi dell’anno soprattutto acqua, sali, carboidrati e proteine.

Fate scorta di vitamine e minerali con mele, agrumi e kiwi. Le malattie da raffreddamento fanno consumare vitamine e minerali, per cui sono molto indicate le spremute di agrumi o i frullati di kiwi e mela che, oltre a reintegrare le perdite di liquidi, apportano vitamina C che stimola le difese.
Contro il senso di inappetenza, infine, potete provare con frullati o composte di frutta, carni bianche o pesce e passati di verdura, utilizzando metodi di cottura semplici e olio extravergine d’oliva a crudo.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Influenza stagionale, i rimedi naturali per sconfiggerla

Influenza? Ecco i rimedi naturali per prevenirla

Influenza: in arrivo il picco. Come difendersi?

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook