Infarto, e se dipendesse anche dall’Escherichia Coli? La ricerca italiana che svela la complicità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che relazione ci può essere tra un batterio intestinale come l’Escherichia Coli e l’infarto? L’ha svelato un’importante ricerca italiana che apre la strada a nuove cure.

Un nuovo importante passo avanti è stato fatto per quanto riguarda i meccanismi che sono alla base della comparsa di infarto. Un team di ricerca della I Clinica Medica del Policlinico universitario Umberto I, guidato da Francesco Violi, ha infatti reso noti i risultati di un studio che mette in luce il ruolo dell’Escherichia coli in relazione all’infarto.

Questo batterio intestinale, secondo quanto scoperto, circola nel sangue dei pazienti con infarto e si concentra anche nell’arteria ostruita facilitando la crescita del trombo.

Come ha dichiarato il professor Violi:

“abbiamo avviato uno studio che è durato oltre 4 anni e scoperto che i pazienti con infarto acuto presentavano alterazioni della permeabilità intestinale e contemporaneamente il batterio E. coli nel sangue e nel trombo”

La ricerca è stata effettuata su 150 persone (50 con infarto in atto, 50 cardiopatiche e 50 sane). Il batterio è stato trovato solo nei pazienti con infarto acuto mentre negli altri, cardiopatici compresi, non era presente.

Questo è in linea con ricerche precedenti effettuate negli Stati Uniti che avevano trovato diversi batteri intestinali nel sangue di pazienti con infarto.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista European Heart Journal, è importante in quanto apre la strada a nuove prospettive di cura farmacologica ma anche a una possibile prevenzione tramite sviluppo di un vaccino contro l’infarto.

Una parte successiva della ricerca, infatti, è riuscita a fermare l’infarto a livello sperimentale con una molecola specifica che impedisce all’E. Coli di legarsi con cellule immunitarie presenti nell’arteria dove si sta formando il trombo.

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook