Inchiostro per tatuaggi non sterile: il Ministero della salute ritira due lotti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ancora inchiostri per tatuaggi poco sicuri. Il Ministero della salute ha ritirato due lotti perché considerati non sterili a causa della presenza di batteri aerobi.

Non si tratta del primo richiamo di questo tipo da parte delle autorità, che di recente avevano ritirato altri tipi di inchiostro per la presenza di sostanze cancerogene.

Questa volta invece l’inchiostro non è sterile e ciò potrebbe dare luogo a infezioni più o meno gravi.

Ecco i lotti e gli inchiostri richiamati in questi giorni dal Ministero della salute:

Sky Blue, nella boccetta da 30 ml, numero di lotto: 23/10/14. L’inchiostro è prodotto da Eternal Ink INC. in Michigan, USA ed è importato dalla Milano Tattoo Supply snc.

A seguito delle analisi eseguite presso l’Istituto Superiore di Sanità, è emerso che

“il prodotto non risulta conforme alla Risoluzione del Consiglio d’Europa RESAP(2008)1 per il controllo relativo alle caratteristiche di sterilità microbiologica e non ottemperano ai requisiti previsti dal D.l.vo 206/2005 Codice di Consumo”,

allerta inchiostro blu

Il secondo lotto oggetto di richiamo da parte del Ministero è il Georgia Peach sempre del marchio Eternal Ink. In particolare è il lotto di inchiostro n° 27.06.14, colore arancione, nel formato da 30 ml.

allerta inchiostro arancione

Due allerte ancora più rilevanti alla luce della nuova ricerca che ha confermato che le sostanze presenti nell’inchiostro arrivano nel sangue.

LEGGI anche:

L’utilizzo di questi lotti è vietato per questioni di sicurezza. È inoltre consigliato di rivolgersi sempre a centri autorizzati e sicuri.

Francesca Mancuso

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook