Parkinson, impiantato per la prima volta a Brindisi neurostimolatore che agisce sui neuroni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per la prima volta in Italia in un ospedale pubblico è stato impiantato un nuovo neurostimolatore per la DBS, la stimolazione cerebrale profonda: siamo al Perrino di Brindisi, in Puglia, dove un paziente con malattia di Parkinson ha ricevuto questo innovativo strumento in grado di monitorare le attività dei neuroni cerebrali e valutare gli eventuali effetti collaterali delle terapie o la reazione agli eventi della vita di tutti i giorni.

L’intervento è stato effettuato al Centro regionale di Chirurgia funzionale della malattia di Parkinson, da neurochirurghi e neurologi capitanati dal dottor Francesco Romeo, Responsabile dell’U.O.C. di Neurochirurgia.

Il nuovo neurostimolatore è l’unico sistema di stimolazione cerebrale profonda (DBS sta per Deep Brain Stimulation) ad essere in grado di rilevare online l’attività dei neuroni cerebrali, direttamente dagli elettrodi impiantati – in questo caso nei nuclei subtalamici – mentre viene effettuata la stimolazione a pazienti con malattia di Parkinson.

Come si legge nella nota della Asl di Brindisi, questo procedimento consente un monitoraggio reale e continuo degli eventi elettrici cerebrali, mentre nel contempo i segnali possono essere registrati e memorizzati sul dispositivo. In questo modo, proprio la registrazione dell’attività elettrica (Local Fields Potentials) consente una correlazione con lo stato clinico, con eventuali effetti collaterali associati alla terapia farmacologica e con eventi della vita quotidiana segnalati dal paziente.

Va da sé che, poi, i dati memorizzati consentiranno al neurologo di ottimizzare i parametri di stimolazione.

equipe perrino brindisi

©Asl Brindisi

Tale nuovo dispositivo, afferma Bruno Passarella, Direttore dell’U.O.C. di Neurologia, rappresenta anche un fondamentale passo in avanti verso un prossimo sistema di stimolazione profonda “intelligente” (adattativa), capace di regolare automaticamente la stimolazione cerebrale in base all’attività elettrica registrata.

L’Ospedale Perrino di Brindisi dal 2019 è Centro di riferimento regionale per il trattamento chirurgico del Parkinson.

Fonte: Asl Brindisi Sanità Puglia

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook