Ictus: un semplice test di equilibrio per valutare il rischio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La prevenzione è sempre il mezzo più efficace per evitare l’insorgenza di patologie e danni al nostro organismo come possono essere ad esempio gli ictus. La scienza negli ultimi anni sta cercando di trovare modalità per individuare le persone potenzialmente più a rischio attraverso nuove analisi e test, in modo da intervenire per tempo scongiurando le conseguenze peggiori.

Ora nuovo studio della Kyoto University Graduate School of Medicine (Giappone) pubblicato su Stroke, propone un semplicissimo test che può essere effettuato in particolare dalla popolazione anziana, già di per sè più propensa a ritrovarsi a fare i conti con un ictus, per valutare l’effettivo rischio.

Si tratta semplicemente di rimanere in equilibrio su una gamba sola per almeno 20 secondi. Chi non ci riesce, a detta dei ricercatori, ha bisogno di essere tenuto sotto controllo più frequentemente in quanto sarebbe maggiormente a rischio ictus.

Il team di esperti per testare l’efficacia dell’esercizio in questione ha preso a campione 841 donne e 546 uomini (età media 67 anni). Ogni partecipante ha dovuto provare più volte ad eseguire l’esercizio e poi è stato sottoposto a risonanza magnetica per valutare la salute del microcircolo cerebrale. Si è visto così che le persone in cui si erano riscontrati maggiori problemi ai piccoli vasi del cervello erano anche quelle che avevano avuto più problemi di equilibrio durante l’esercizio.

Come ha dichiarato il professor Yasuharu Tabara, autore principale dello studio:

Gli individui che mostrano scarso equilibrio dovrebbero ricevere maggiore attenzione, in quanto questo potrebbe indicare un aumento del rischio di malattie del cervello e di declino cognitivo. La difficoltà di stare per poco tempo in equilibrio solo su una gamba è una misura semplice di instabilità posturale e potrebbe essere una conseguenza di anomalie cerebrali”.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Ictus: il rischio aumenta se avete frequenti perdite di memoria

Pomodori: ictus addio, grazie al licopene

più banane, meno ictus in menopausa

Cuore: più frutta ogni giorno meno rischi di infarto e ictus

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook