Persone con disabilità: un guanto hi-tech consentirà di muovere le mani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Biorobotica, good news per le persone con braccia e gambe paralizzate: un guanto hi-tech sarà in grado di restituire la capacità di presa e tradurre le attività del cervello e il movimento degli occhi in semplici comandi di apertura e chiusura della mano, trasmessi con una tecnologia wireless. Ciò consentirà loro di scrivere e mangiare da soli, di afferrare un bicchiere o anche una carta di credito.

Realizzato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, il nuovissimo guanto è controllato in maniera non invasiva da alcuni elettrodi posti in una cuffia, realizzati in Germania, dal gruppo dell’università di Tubinga guidato da Surjo Soekadar. Il risultato è pubblicato sul primo numero della rivista Science Robotics.

LEGGI anche: MARATONA DI ROMA: DUE PARAPLEGICI CORRERANNO GRAZIE A UN ESOSCHELETRO

L’esoscheletro è stato sperimentato per ora su sei persone quadriplegiche – cinque uomini e una donna di età compresa fra 14 e 30 anni – che sono così riuscite ad aprire e chiudere le mani e a controllarne i movimenti. Gli elettrodi sono nella cuffia, posti sulla testa e a lato degli occhi, e la “centralina” di controllo è incorporata nella sedia a rotelle.

Si tratta, per adesso, della prima fase di sperimentazione, mentre la strada per rendere disponibile il guanto hi-tech a tutti è ancora lunga. Ma i ricercatori sono ottimisti: “In Italia contiamo di mettere a punto entro il 2017 il protocollo per una nuova sperimentazione“, ha detto Maria Chiara Carrozza, che ho coordinato le ricerche insieme con Nicola Vitiello.

guanto 1
guanto cuffia

Ma lo studio ha anche evidenziato un altro interessante aspetto, ci tiene a precisare Carrozza: “Nonostante i numerosi sforzi compiuti dalla bioingegneria, i sistemi robotici per la riabilitazione non hanno un livello di maturità tale da essere ‘portabili’, cioè trasportabili con facilità. In questo studio, abbiamo voluto compensare questi limiti ‘utilizzando’ la carrozzina come una sorta di ‘docking station’, stazione dove alloggiare i pesanti moduli di attuazione (movimento), alimentazione e calcolo necessari al funzionamento dell’intero apparato. Nei prossimi anni possiamo immaginare che questo paradigma venga sempre di più esplorato e che quindi individui quadriplegici possano sempre di più trasformare la loro carrozzina in una preziosa ‘risorsa’ per alloggiarvi ausili robotici ed informatici sempre più sofisticati, con l’obiettivo ultimo di migliorare la loro qualità della vita”.

guanto nuovo 2
guanto nuovo 1

Un futuro roseo, dunque, per chi è costretto a vivere su una sedia a rotelle. Speriamo solo che i costi di tanta tecnologia siano poi accessibili davvero a tutti.

Germana Carillo

Photo Credit

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook