Gravidanza: come la maternità cambia il cervello delle donne per sempre (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La maternità cambia il cervello delle donne per sempre. In gravidanza avviene una vera e propria trasformazione che modifica la risposta dell’organismo femminile agli ormoni. La causa sarebbe da ricercare negli estrogeni.

La nuova ricerca sull’argomento è stata condotta dai ricercatori della British Columbia University ed è stata presentata in occasione dell’Annual Canadian Neuroscience Meeting sotto la coordinazione di Liisa Galea. Gli esperti stanno studiando gli effetti degli ormoni sul corpo delle donne e in particolare sul cervello durante la gravidanza.

I ricercatori hanno iniziato i loro studi con l’intenzione di scoprire se la terapia ormonale somministrata in menopausa portasse ad un aumento o ad una riduzione del rischio di Alzheimer. Ma proseguendo con le ricerche hanno tratto anche altre conclusioni: durante la gravidanza il cervello della futura mamma cambierà per sempre a causa della tempesta ormonale provocata dagli estrogeni.

Gli estrogeni, ormoni sessuali femminili, raggiungono un vero e proprio picco in gravidanza e ciò può agire sul sistema nervoso centrale delle future mamme e in particolare sullo sviluppo di alcune delle sue aree.

Nel nuovo studio gli esperti si sono concentrati sull’estrone, un ormone più presente nelle donne in menopausa piuttosto che nelle donne giovani, nel cui organismo predomina un altro ormone femminile, l’estradiolo. L’estrone potrebbe risultare benefico nella terapia ormonale sostitutiva soprattutto per le donne che non hanno avuto una gravidanza, con l’intento di prevenire il rischio di Alzheimeri.

I ricercatori pensano che i risultati ottenuti fino a questo momento in laboratorio possano applicarsi facilmente anche all’organismo umano. Continueranno dunque a studiare l’azione degli estrogeni in gravidanza, che sono presenti a livelli cento volte superiori rispetto al normale nel corpo delle future mamme.

In particolare, l’ondata di estrogeni in gravidanza sarebbe in grado di alterare la ricrescita delle cellule nervose nell’ippocampo, sede della memoria e dell’orientamento. Nella produzione di nuove cellule nell’ippocampo intervengono sia l’estradiolo che l’estrone, ma sarebbe l’estradiolo a svolgere un’azione più efficace in senso positivo sull’ippocampo. Ecco dunque che i futuri studi scientifici si orienteranno proprio in questa direzione per comprendere meglio l’azione degli ormoni sul cervello e sul sistema nervoso nelle donne durante e dopo la gravidanza.

Marta Albè

Leggi anche:

Curcuma: 1 grammo al giorno per migliorare la memoria
Geni, ormoni e ambiente: le possibili cause dell’autismo
5 erbe e piante che si possono utilizzare in gravidanza

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook