Giornata mondiale della salute: più cure accessibili e uguali per tutti. La petizione (#HealthForAll)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si celebra domani 7 aprile, come ogni anno, la Giornata mondiale della salute. Tema principale dell’edizione 2019 è la necessità di una copertura sanitaria universale. Universal health coverage: everyone, everywhere è infatti lo slogan del nuovo World Health Day. Ma come fare in modo essere che ogni cittadino acceda all’assistenza di cui ha bisogno?

È questo il punto centrale attorno a cui ruota il lavoro di quest’anno dell’Organizzazione mondiale della Sanità. Con l’hashtag #HealthForAll si vorrà ricordare ai leader mondiali che tutti dovrebbero essere in grado di accedere all’assistenza sanitaria, dove e quando ce né esigenza, realtà che si verifica solo per un essere umano su due.

Il focus di quest’anno è infatti garantire una copertura sanitaria universale, che tra l’altro rappresenta l’obiettivo numero uno dell’Organizzazione mondiale della sanità ed è anche uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) fissati per il 2030.

Di fatto, sono ancora milioni le persone che non hanno ancora accesso all’assistenza sanitaria e altrettante sono costrette a scegliere tra assistenza sanitaria e altre spese quotidiane come cibo, vestiti e una casa.

La Giornata mondiale della salute ha lo scopo di aiutare a capire meglio il concetto di copertura sanitaria universale, quali servizi dovrebbero essere disponibili e dove. Il principale obiettivo è quindi quello di far comprendere alle persone che hanno libero accesso a cure sanitarie di qualità come vivano le persone che non ne hanno la possibilità e promuovere un accesso equo all’assistenza sanitaria, ovunque.

giornata salute

Nel 2016 l’Oms ha creato il sito Universal Health Coverage Data Portal dedicato alla visualizzazione interattiva dei dati sulla copertura sanitaria universale e tracciare così i passi fatti nel mondo verso il raggiungimento di questo obiettivo.

La petizione

Tutti noi, in diversi momenti della nostra vita, abbiamo bisogno di assistenza sanitaria. Ma oggi, solo la metà di noi può ottenerlo.

A settembre prossimo, i leader mondiali si riuniranno all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per un incontro ad alto livello sulla copertura sanitaria universale. Lo scopo è quello di concordare una dichiarazione politica per garantire l’impegno in tutto il mondo a rendere la copertura sanitaria universale una realtà.

Firma qui la petizione per far sentire voce dei più sfortunati e assicurarti che tutti, ovunque, possano ottenere i servizi sanitari di cui hanno bisogno, quando e dove ne hanno bisogno.

Leggi anche:

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook