Candida Auris: il fungo super-resistente ai farmaci, come i batteri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Infezioni fungine. Un fungo che può essere letale ed è resistente ai farmaci: è questo la cosiddetta “Candida Auris”, di cui quasi tutti i ceppi finora isolati sono risultati resistenti ai medicinali specifici antifungini.

Non ci sono, quindi, soltanto i “super-batteri” a destare preoccupazione. Se, infatti, è ormai conclamata l’esistenza di batteri super-resistenti agli antibiotici, dovuta all’abuso di farmaci nelle cure mediche e all’impiego eccessivo di antibiotici negli allevamenti, adesso a far scattare un nuovo allarme negli Stati Uniti è anche la presenza di una grave infezione fungina che, in determinati casi, può rivelarsi letale.

LEGGI anche: BATTERI RESISTENTI AGLI ANTIBIOTICI: UN PERICOLO INVISIBILE PER I NEONATI

Cos’è la Candida Auris

Secondo quanto si legge dallo studio pubblicato su Bmj, la Candida Auris è un’infezione fungina che è stata isolata nel 2009 in Giappone ma, nel corso degli anni, si è diffusa in numerose nazioni, come Corea del Sud, Regno Unito, India, Kuwait e un ceppo di Candida Auris è stato identificato negli Stati Uniti nel 2013.

Secondo i Centri statunitensi per il Controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) si contano 13 casi di infezione grave da Candida Auris, di cui quattro mortali. I pazienti colpiti si trovavano già in gravi condizioni, ma i ricercatori sono preoccupati perché hanno notato che questa forma si sta diffondendo gravemente negli Stati Uniti.

LEGGI anche: ANTIBIOTICI NATURALI: 10 CIBI ED ERBE, VERI E PROPRI FARMACI

Perché la Candida Auris preoccupa

Perché quasi tutti i ceppi isolati sono risultati resistenti al fluconazolo, più della metà al voriconazolo, un terzo alla amfotericina B e molti alle echinocandine. Dai Ccd dichiarano che i test per ora disponibili non sono in grado di distinguere la Candida Auris da altre specie di Candida. Quello che è certo è che i pazienti si infettano dopo molte settimane di permanenza in ospedale, per cui da Ccd raccomandano una profonda disinfezione delle attrezzature e la segnalazione dei casi sospetti.

L’allarme è limitato negli Stati Uniti. Qui in Italia per ora dormiamo sonni tranquilli.

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook