Dimmi quante flessioni riesci a fare e ti dirò come stai

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete mai contato quante flessioni consecutive riuscite a fare? Questa potrebbe non essere una semplice sfida sportiva ma anche una spia della vostra salute. Una ricerca ha infatti messo in relazione il numero di flessioni con il benessere del cuore.

Uno studio dell’Harvard TH Chan School of Public Health, pubblicato sulla rivista Jama Network Open, ha preso a campione 1.104 vigili del fuoco di età media di 39 anni, con un indice medio di massa corporea di 28.7. Il loro stato di salute è stato valutato in uno studio retrospettivo tra il 2000 e il 2010.

All’inizio, e poi periodicamente nel corso dei 10 anni della ricerca, gli esperti hanno valutato le condizioni fisiche dei partecipanti registrando un totale di 37 eventi cardiovascolari.

In 36 casi su 37, gli uomini che avevano riscontrato problemi al cuore, erano anche coloro che non riuscivano a fare almeno 40 flessioni consecutive durante l’esame di riferimento.

Per questo il team ha concluso che, chi è in grado di effettuare almeno 40 piegamenti sulle braccia uno dopo l’altro, abbassa del 96% il rischio di ammalarsi di problemi cardiovascolari rispetto a chi ne riesce a fare solo 10 o anche meno.

Come ha dichiarato Stefanos Kales, che ha partecipato allo studio:

“Questo studio ha rilevato che la capacità di eseguire flessioni era inversamente associata al rischio a 10 anni di eventi cardiovascolari tra gli uomini di età compresa tra 21 e 66 anni”

Di conseguenza come ha dichiarato Justin Yang, autore principale della ricerca:

“Quanto emerso dimostra che la capacità di fare piegamenti potrebbe essere un metodo semplice e gratuito per aiutare a valutare il rischio di malattie cardiovascolari””

Iniziamo quindi ad allenarci fin da subito, in un prossimo futuro il medico potrebbe chiederci di fare le flessioni davanti a lui per valutare il nostro stato di salute!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook