Riparare organi e ferite ‘lavorando a maglia’ l’innovativo filato ricavato da cellule della pelle

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un team di ricercatori dell’Istituto nazionale francese per la salute e la ricerca medica di Bordeaux ha sviluppato dei filati a partire da cellule della pelle umana, denominati “tessuto umano“, che in futuro potrebbero essere utilizzati dai chirurghi per assemblare innesti cutanei impiantabili, per la riparazione di organi e per chiudere ferite.

Nicholas L’Heureux, che ha guidato il team di ricercatori, ha specificato che questo filato può essere impiegato per creare molteplici cose e che grazie alla sua versatilità, può essere lavorato a maglia e all’uncinetto, intrecciato e usato per tessere:

“Siamo in grado di cucire buste, creare tubi, valvole e membrane perforate. Con il filato è possibile qualsiasi approccio tessile: lavorare a maglia, intrecciare, tessere e persino lavorare all’uncinetto.”

I tessuti umani sono innovativi perché, stando ai ricercatori, “offrono un livello unico di biocompatibilità e rappresentano una nuova generazione di prodotti completamente biologici di ingegneria tissutale“.

E questo perché, rispetto ai normali materiali chirurgici sintetici, il filato umano non provoca una risposta immunitaria tale da complicare il processo di guarigione.

Ma come sono stati realizzati? Tagliando fogli di cellule epiteliali umane in lunghe strisce, successivamente tessute in un materiale simile a un filato.

I primi test per verificarne l’efficacia sono stati condotti su animali, per esempio su un topo, le cui ferite sono state cucite con il filato permettendogli di guarire completamente entro 2 settimane.

Inoltre, secondo gli scienziati, attraverso la combinazione di questo materiale con un assemblaggio a base tessile, si potranno produrre in futuro una varietà di tessuti umani molto resistenti, che potranno essere facilmente integrati nel corpo, a tutto vantaggio della nostra salute.

FONTI: Sciencedirect

Ti potrebbe interessare anche:

Addio punti di sutura, dai ricercatori la ‘colla’ atossica e biodegradabile che non lascia cicatrici

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook