Ferro: un elemento di cui non possiamo fare a meno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il ferro rinforza il sistema immunitario del nostro corpo, fa funzionare il processo di divisione delle cellule e presiede la formazione dei globuli rossi, che hanno il compito importantissimo di trasportare l’ossigeno alle cellule. Il corpo umano ne contiene una riserva limitata, compresa tra i tre e i 5 grammi e può assimilarlo solo con il cibo.

In alcuni periodi particolari donne e ragazze ne hanno più bisogno (ad esempio in gravidanza e allattamento). In Europa però, secondo dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità circa il 20% delle donne in età fertile avrebbe la necessità di integrare le riserve di ferro. Nel 2011 il progetto europeo Helena, ha analizzato un migliaio tra ragazzi e ragazze, segnalando che il 18% di loro soffriva di una mancanza di ferro nel sangue.

Se la riserva si esaurisce il nostro corpo ci chiede aiuto

Quando la riserva si sta esaurendo il nostro corpo lo segnala, per esempio con mal di testa, pallori, stanchezza, mancanza di appetito: queste sono solo alcune delle sirene d’allarme (vedi i sintomi dell’anemia su www.floradix.it). Purtroppo si confondono spesso con sintomi comuni di altre patologie. Per questo è importante chiedere sempre il supporto del proprio medico di fiducia ed eseguire dei test che confermino che il problema sta proprio nella carenza di ferro.

Per risolvere la carenza di ferro possiamo certamente curare l’alimentazione. Bisogna fare attenzione però, non tutti gli alimenti vanno bene perché esistono diversi tipi di ferro che sono più o meno assimilabili. Quindi oltre alla quantità di ferro presente in un certo alimento dobbiamo considerare anche quanto ne assorbirà il nostro organismo.

Questi sono alcuni cibi ricchi di ferro facilmente assimilabile: arachidi, cacao amaro, fagioli, carne di maiale, fegato, lenticchie, ostriche, patate, pollo, seppie.

Il medico può consigliare un integratore di ferro

In alcuni casi, sempre su consiglio medico, possiamo aiutare il nostro corpo a ritrovare la sua energia con un integratore di ferro, il cui uso è spesso consigliato a vegetariani e donne in gravidanza, durante l’allattamento e all’inizio del ciclo mestruale.

I prodotti disponibili sono molti ma chi predilige quelli naturali può trovare un valido alleato in Floradix® linfa d’erbe, un integratore a base di erbe e succhi di frutta che non contiene conservanti e aromi artificiali. Buono e facile da digerire, Floradix® reintegra velocemente ferro inoltre contiene Vitamina C che aiuta ad assimilare il ferro e Vitamine del gruppo B che contribuiscono a dare energia all’organismo.

Visita il sito ufficiale www.floradix.it

LEGGI anche:

Anemia: 10 rimedi e cure naturali per la carenza di ferro

Anemia: la carenza di ferro aumenta il rischio di demenza senile

12 fonti di ferro per i vegani

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook